Maltempo in Veneto, pronto accordo: risorse per 159 milioni di euro
M

La striscia disallineata

È pronto un accordo per risollevare il Veneto dopo le tragedie meteorologiche che, oltre a tutta la penisola, hanno interessato la regione. “La tragedia che in questi giorni ha flagellato il Veneto – dichiara il sottosegretario all’Ambiente Vannia Gava – non ferma la nostra iniziativa di programmazione e pianificazione per gli interventi di messa in sicurezza, manutenzione, e prevenzione del dissesto idrogeologico. È pronto per essere sottoscritto e diventare operativo l’accordo quadro di programma tra ministero dell’ambiente e Regione Veneto. Verranno liberate risorse per complessivi 159 milioni di euro, di cui ben 91 milioni recuperati dai piani dell’ex struttura di missione che non erano ancora stati sbloccati.

In questa cifra complessiva – continua il sottosegretario – ci saranno anche 10 milioni di euro da destinare ad infrastrutture stradali. I danni di questi giorni hanno dimensioni enormi e saranno necessari ulteriori impegni dai quali non ci sottraiamo, ma il meccanismo che vogliamo utilizzare metterà i Presidenti di Regione in condizione di agire più velocemente. Il Presidente Zaia sarà Commissario di governo e tramite la contabilità speciale utilizzerà le risorse bene e velocemente. Particolare attenzione – conclude Gava -dedicheremo al sito Unesco e al Parco delle Dolomiti Bellunesi per i quali stiamo attivando anche i competenti canali internazionali”.

FLASH

Le ultime

Cowspiracy e non solo: i documentari a tema ambientale disponibili su Netflix

È importante tenersi aggiornati sui temi legati all’ambiente, perché si parla di un argomento che riguarda da vicino tutti...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.