Manovra di bilancio, i medici veterinari chiedono misure di agevolazione fiscale
M

I più letti

Disastro ambientale nel veronese: un agricoltore sparge mais avvelenato e fa strage di fauna

Disastro ambientale nelle campagne del veronese. Centinaia di animali sono morti in un terreno di circa tre ettari a...

Innovazione, gli OLED illumineranno l’agricoltura del futuro

I ricercatori del Centro ENEA di Portici hanno sperimentato per la prima volta sistemi di illuminazione OLED sulle piante in ambienti chiusi, dimostrando come la luce diffusa e a...

Riforma dello sport, obblighi e multe imposti all’escursionismo invernale: CAI e guide ambientali scrivono al Ministro

Per praticare le attività escursionistiche in ambienti innevati, anche mediante le racchette da neve, sarà obbligatorio munirsi di “sistemi...

In arrivo emendamenti “animalisti” e “trasversali” alla manovra di bilancio, per ridurre l’aliquota Iva sulle prestazioni veterinarie e aumentare le detrazioni, ferme ormai da quasi vent’ anni. La proposta viene dai componenti dell’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali, presieduto dall’on. Michela Vittoria Brambilla, che oggi, a Montecitorio, ha audito Marco Melosi, presidente di Anmvi (Associazione nazionale medici veterinari italiani) e Carlotta Bernasconi, vicepresidente di Fnovi (Federazione nazionale degli ordini veterinari italiani).

Durante l’incontro, i rappresentanti dei medici veterinari hanno sottolineato la disparità di trattamento tra il regime cui sono assoggettati i liberi professionisti (aliquota al 22 per cento) e l’esenzione completa per le prestazioni erogate dalle Asl, il ruolo di “presidio sanitario” svolto dalla professione, e l’inscindibilità della salute umana da quella degli animali che accompagnano la nostra vita. Ecco perché misure di agevolazione fiscale sulle cure veterinarie hanno un indubbio valore sociale, sia per la lotta contro il fenomeno del randagismo, “che – assicurano gli esperti – in molte zone del Paese è fuori controllo”, sia per il contributo che potrebbero dare alla convivenza con gli animali d’affezione, importante soprattutto per le fasce più deboli della popolazione: anziani e persone di minore età.

Un’impostazione che trova assolutamente concordi deputati e senatori iscritti all’Intergruppo, appartenenti a tutte le forze politiche. “Le risposte – spiega l’on. Brambilla – saranno alcuni emendamenti comuni volti a rimodulare l’aliquota Iva per le cure, sull’esempio di quanto avviene in Spagna dove il governo Sanchez ha proposto di portarla al 10 per cento. Non è accettabile, inoltre, che il tetto massimo alle detrazioni sia pari a 49,58 euro, come vent’anni fa, quando le condizioni economiche e le prestazioni veterinarie erano molto diverse”.

Le ultime

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.