Manovra di bilancio, i medici veterinari chiedono misure di agevolazione fiscale
M

I più letti

“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente

In arrivo emendamenti “animalisti” e “trasversali” alla manovra di bilancio, per ridurre l’aliquota Iva sulle prestazioni veterinarie e aumentare le detrazioni, ferme ormai da quasi vent’ anni. La proposta viene dai componenti dell’Intergruppo parlamentare per i diritti degli animali, presieduto dall’on. Michela Vittoria Brambilla, che oggi, a Montecitorio, ha audito Marco Melosi, presidente di Anmvi (Associazione nazionale medici veterinari italiani) e Carlotta Bernasconi, vicepresidente di Fnovi (Federazione nazionale degli ordini veterinari italiani).

Durante l’incontro, i rappresentanti dei medici veterinari hanno sottolineato la disparità di trattamento tra il regime cui sono assoggettati i liberi professionisti (aliquota al 22 per cento) e l’esenzione completa per le prestazioni erogate dalle Asl, il ruolo di “presidio sanitario” svolto dalla professione, e l’inscindibilità della salute umana da quella degli animali che accompagnano la nostra vita. Ecco perché misure di agevolazione fiscale sulle cure veterinarie hanno un indubbio valore sociale, sia per la lotta contro il fenomeno del randagismo, “che – assicurano gli esperti – in molte zone del Paese è fuori controllo”, sia per il contributo che potrebbero dare alla convivenza con gli animali d’affezione, importante soprattutto per le fasce più deboli della popolazione: anziani e persone di minore età.

Un’impostazione che trova assolutamente concordi deputati e senatori iscritti all’Intergruppo, appartenenti a tutte le forze politiche. “Le risposte – spiega l’on. Brambilla – saranno alcuni emendamenti comuni volti a rimodulare l’aliquota Iva per le cure, sull’esempio di quanto avviene in Spagna dove il governo Sanchez ha proposto di portarla al 10 per cento. Non è accettabile, inoltre, che il tetto massimo alle detrazioni sia pari a 49,58 euro, come vent’anni fa, quando le condizioni economiche e le prestazioni veterinarie erano molto diverse”.

Le ultime

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.