Scavarono tra le macerie del ponte Morandi, premiati quattro binomi dei Vigili del Fuoco
S

I più letti

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Si chiamano Apo, Kreole, Derby e Jana e la notte di Ferragosto sono partiti dall’Umbria insieme ai loro conduttori Massimo Mancinelli, Fabrizio Caira, Stefano Albergotti e Andrea Guiso per scavare tra le macerie del Ponte Morandi alla ricerca di vittime e sopravvissuti. Addestrati per questo, i quattro binomi dell’unità cinofila dei Vigili del Fuoco umbri avevano già operato per salvare vite umane dopo il sisma del 2016 nel centro Italia. E allora, per “aver interpretato la vita con umiltà e coraggio, utilizzando la propria professione per lenire le altrui sofferenze”, il 4 novembre a Caserta hanno ritirato il premio “Professor Giuseppe Moscati”, dedicato al medico e scienziato napoletano che da 31 anni premia azioni di valore in ambito sociale, sanitario e scientifico.

Un riconoscimento che per le unità cinofile dei Vigili del Fuoco si somma ad innumerevoli medaglie al valore che hanno meritato nel corso della loro lunga storia, iniziata in epoca fascista: fu nel 1939 che le unità cinofile dei Vigili del Fuoco videro la luce a Torino, in previsione dell’imminente periodo bellico che avrebbe richiesto la ricerca dei dispersi sotto le macerie a causa dei bombardamenti. Incredibile il contributo che i cani diedero negli anni della guerra, che si esaurì però con la ricostruzione. Dobbiamo arrivare agli inizi degli anni 90 per ridare vita al ruolo svolto da cani e uomini nelle operazioni di soccorso per ricerca persone disperse in superficie, macerie e valanghe. Da allora si rimise in moto la macchina e proprio a Torino e precisamente nel Comune di Volpiano, ha oggi sede la Scuola Nazionale decretata il 30 maggio del 2005 dal Capo Dipartimento Prefetto Morcone: si tratta di una struttura che sorge in un area di circa 10.000 metri quadrati, attrezzata per ospitare ed addestrare fino a quaranta unità cinofile contemporaneamente, in un campo macerie da addestramento di circa 2.000 mq.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.