Scavarono tra le macerie del ponte Morandi, premiati quattro binomi dei Vigili del Fuoco
S

I più letti

Ricerca UniPg: dalla carne di coniglio una soluzione innovativa per i sistemi agroalimentari del Mediterraneo

Si chiama Omega Rabbit, è basato sulla carne di coniglio, e potrebbe diventare un alimento capace di rappresentare una soluzione...

Slow Food lancia “On My Plate”: la prima challenge internazionale sul cibo buono, pulito e giusto

È appena stata lanciata On My Plate, la campagna con cui Slow Food si pone alla guida di oltre tremila...

Come la nuova concezione dell’abitare può veramente rispettare e integrarsi nell’ambiente

Come architetti ci interroghiamo alla continua ricerca di un equilibrio tra contesto e cliente ma la risposta è un’altra domanda: come è cambiata la concezione dell’abitare? Oggi finalmente è il committente a chiedere soluzioni...

Si chiamano Apo, Kreole, Derby e Jana e la notte di Ferragosto sono partiti dall’Umbria insieme ai loro conduttori Massimo Mancinelli, Fabrizio Caira, Stefano Albergotti e Andrea Guiso per scavare tra le macerie del Ponte Morandi alla ricerca di vittime e sopravvissuti. Addestrati per questo, i quattro binomi dell’unità cinofila dei Vigili del Fuoco umbri avevano già operato per salvare vite umane dopo il sisma del 2016 nel centro Italia. E allora, per “aver interpretato la vita con umiltà e coraggio, utilizzando la propria professione per lenire le altrui sofferenze”, il 4 novembre a Caserta hanno ritirato il premio “Professor Giuseppe Moscati”, dedicato al medico e scienziato napoletano che da 31 anni premia azioni di valore in ambito sociale, sanitario e scientifico.

Un riconoscimento che per le unità cinofile dei Vigili del Fuoco si somma ad innumerevoli medaglie al valore che hanno meritato nel corso della loro lunga storia, iniziata in epoca fascista: fu nel 1939 che le unità cinofile dei Vigili del Fuoco videro la luce a Torino, in previsione dell’imminente periodo bellico che avrebbe richiesto la ricerca dei dispersi sotto le macerie a causa dei bombardamenti. Incredibile il contributo che i cani diedero negli anni della guerra, che si esaurì però con la ricostruzione. Dobbiamo arrivare agli inizi degli anni 90 per ridare vita al ruolo svolto da cani e uomini nelle operazioni di soccorso per ricerca persone disperse in superficie, macerie e valanghe. Da allora si rimise in moto la macchina e proprio a Torino e precisamente nel Comune di Volpiano, ha oggi sede la Scuola Nazionale decretata il 30 maggio del 2005 dal Capo Dipartimento Prefetto Morcone: si tratta di una struttura che sorge in un area di circa 10.000 metri quadrati, attrezzata per ospitare ed addestrare fino a quaranta unità cinofile contemporaneamente, in un campo macerie da addestramento di circa 2.000 mq.

Le ultime

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.