Altopiano delle Cinquemiglia: abbattuti i 70 pini che indicavano la via durante le tormente
A

I più letti

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Circa 70 pini posti ai margini del strada statale 17 nell’Altopiano delle Cinquemiglia in provincia di L’Aquila a oltre 1.200 metri di altitudine sono stati abbattuti per questioni di sicurezza, modificando completamente la percezione della piana. L’attuale versione del codice della strada, recentemente confermata da una sentenza della Corte di Cassazione che ne ha stabilito l’applicabilità anche agli alberi già esistenti, impone per le alberature stradali una distanza di sei metri dal ciglio. In questo modo però si rischia di stravolgere la fisionomia di strade e viali alberati che da sempre costituiscono una caratteristica del Bel Paese. Tutelare il paesaggio significa tutelare la storia e la cultura di un luogo e di chi lo abita. Vuol dire preservare la memoria delle scelte compiute nel passato dai nostri avi che spesso sono stati capaci di gestire il territorio con maggiore attenzione e senso del bello di quanto riusciamo a fare noi oggi.  Inoltre, tale misura non sempre determina quella sicurezza in più che la norma vorrebbe ottenere. La totale cancellazione di alberi lungo le strade ha come effetto, infatti, l’aumento della velocità da parte degli automobilisti con il conseguente aumento del rischio di incidenti. Cancellare la storia di un luogo per consentire di mantenere un’andatura elevata, e guadagnare così pochi minuti sui normali tempi di percorrenza, rappresenta una perdita di identità per tutti noi. Nel caso specifico, poi, la piantumazione di alberi lungo questo tratto della strada statale 17 era stata voluta fin dai secoli scorsi per indicare meglio il tracciato durante le tormente di neve, frequenti nel periodo invernale. L’eliminazione di tutte le alberature provocherà così, oltre alla trasformazione del paesaggio, anche una maggiore difficoltà nell’individuazione della strada in caso di maltempo, determinando così un ulteriore aumento del rischio-incidente.

“Il danno è stato ormai fatto, ma si potrebbe pensare ad un’azione comune per ristabilire la memoria di questa strada – dichiara Luciano Di Tizio, delegato del WWF Abruzzo – Perché non proviamo a pensare come facevano i nostri nonni? Immaginiamo di costruire un percorso di montagna tenendo presente la bellezza dei luoghi che stiamo attraversando e non semplicemente l’esigenza di correre verso la nostra meta lungo una striscia di asfalto. Come WWF lanciamo un appello affinché gli enti competenti lavorino insieme all’Ordine degli Agronomi, all’Ordine degli Architetti e dei Pianificatori e alle Associazioni ambientaliste per ricreare un’alberatura lungo questo tratto della strada statale 17 utilizzando essenze autoctone e mantenendo le distanze che oggi impone la normativa vigente. Sarebbe un bel segnale di attenzione a un territorio e ad un paesaggio straordinari che possono essere un grande attrattore turistico”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.