Cambio del clima, il sondaggio: “Italiani tra i più attenti in Europa”
C

I più letti

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Il 37% degli italiani si dichiara allarmato nei confronti dei cambiamenti climatici: 13% in più rispetto alla media europea. È quanto emerge dall’indagine della Banca Europea per gli Investimenti (BEI) sul clima pubblicata oggi.

La Banca Europea per gli Investimenti (BEI), in collaborazione con YouGov – società internazionale di analisi dell’opinione pubblica – ha pubblicato oggi i risultati di un sondaggio unico nel suo genere che analizza come i cittadini percepiscono i cambiamenti climatici nell’Unione europea, negli Stati Uniti e in Cina. L’indagine rivela che gli italiani sono uno dei popoli dell’Unione europea più attenti al clima. In totale, l’83% degli italiani si sente preoccupato o allarmato quando pensa ai cambiamenti climatici, mentre il 67% ritiene che questo fenomeno costituisca già una minaccia per l’umanità. In generale l’indagine ha evidenziato una disparità geografica tra gli europei meridionali – particolarmente preoccupati degli effetti dei cambiamenti climatici – e gli europei settentrionali, che non sono altrettanto sensibili al problema. L’indagine fa emergere un divario generazionale per quanto concerne gli atteggiamenti assunti nei confronti dei cambiamenti climatici. Nella maggior parte dei paesi europei le giovani generazioni sono più attente al clima rispetto alle fasce più anziane della popolazione. In Italia il 69% della cosiddetta «generazione del nuovo millennio», composta da persone tra i 18 e i 34 anni, ritiene che il riscaldamento globale sia provocato dalle attività umane, opinione condivisa solo dal 52% degli over 65. Per quanto emerga in tutta Europa una crescente presa di coscienza nei confronti del clima che fa ben sperare, l’indagine evidenzia come, a pochi mesi dalla Conferenza mondiale sul clima (COP24) che si terrà a dicembre in Polonia e a cui parteciperanno i responsabili politici internazionali, la strada da percorrere sia ancora lunga. L’indagine della BEI sul clima ha rivelato che tuttora un 20% di cittadini dell’UE non si sente preoccupato quando pensa ai cambiamenti climatici, e ciò nonostante il monito lanciato dal Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC), secondo cui il riscaldamento globale avrà pesanti conseguenze per gli ecosistemi, le comunità e le economie di tutto il mondo. Rispetto ai cittadini di Stati Uniti e Cina, gli europei comprendono molto meglio le sfide legate ai cambiamenti climatici.  In Europa il 78% dei cittadini si è definito preoccupato o allarmato per i cambiamenti climatici, contro il 65% in Cina e il 63% negli Stati Uniti. Allo stesso modo, l’indagine ha inoltre rivelato che gli europei scettici, ovvero coloro che dubitano dell’effettiva esistenza del fenomeno o che lo negano, rappresentano percentuali molto basse, rispettivamente pari al 6% e all’1%. Negli Stati Uniti, invece, le opinioni sull’argomento clima sono eterogenee: un terzo degli americani si definisce allarmato, mentre la percentuale degli scettici nei confronti dei cambiamenti climatici arriva al 14%.

Monica Scatasta, Capo della politica ambientale, climatica e sociale della BEI, ha affermato: «Tre anni fa abbiamo raggiunto un consenso globale sulle iniziative da intraprendere per prevenire i cambiamenti climatici catastrofici. Ma i progressi sono ancora troppo lenti. Per quanto gli europei appaiano più consapevoli dei rischi e delle azioni necessarie rispetto all’opinione pubblica negli Stati Uniti e in Cina, è necessario proseguire con un impegno ancora maggiore per indurre la comunità internazionale a passare all’azione in occasione della COP24 in Polonia. Come principale finanziatore mondiale in campo climatico, continuiamo a dare la massima importanza all’azione per il clima nelle nostre operazioni, e siamo convinti che il contributo dei cittadini sia fondamentale se vogliamo che gli obiettivi di Parigi diventino realtà».

In particolare è emerso che il 37% si sente allarmato quando pensa ai cambiamenti climatici; il 46% si sente preoccupato; il 62% pensa che i cambiamenti climatici siano causati principalmente dalle attività umane; il 6% pensa che i cambiamenti climatici siano causati principalmente da mutamenti naturali dell’ambiente; il 67% ritiene che i cambiamenti climatici costituiscano già una minaccia per l’umanità.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.