Conoscere i georischi può salvare la vita: arrivano i geologi in più di 600 scuole italiane
C

I più letti

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

Clima, gli USA mandano John Kerry a colloquio con l’UE

A seguito dell'insediamento del Presidente Biden, l'UE sta già collaborando con la nuova amministrazione statunitense per affrontare la crisi...

Emergenza Covid, il Mibact avvia il tavolo permanente per i professionisti della cultura

“Nasce il tavolo permanente per i lavoratori dei musei, degli archivi e delle biblioteche, un nuovo spazio istituzionale per...

“Per conseguire l’obiettivo di quella che io chiamo ‘prevenzione civile’, sarebbe necessario mettere in campo una serie di azioni sistemiche e sinergiche e, tra queste, quella di disseminare, tra i cittadini, conoscenza e consapevolezza dei georischi che pervadono il territorio: troppo spesso, difatti, si continua a morire durante un terremoto o un’alluvione per comportamenti sbagliati”: queste le parole di Francesco Peduto, Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, durante l’apertura della conferenza stampa di presentazione di “La Terra vista da un professionista: a scuola con il geologo”, tenuta al Liceo Classico “Eugenio Montale” di Roma proprio dal Consiglio Nazionale dei Geologi in collaborazione con l’Ordine dei Geologi del Lazio e sotto l’egida della Protezione Civile. “Queste cose andrebbero insegnate ai cittadini e in mancanza, un po’ provocatoriamente, ci siamo sostituiti alle istituzioni e andiamo oggi nelle scuole a parlarne”.
Il 16 novembre è infatti tutto dedicato alla consapevolezza dei “georischi”: su tutto il territorio nazionale sono più di 600 le scuole che hanno aderito alla seconda edizione di quest’iniziativa di divulgazione scientifica, voluta e organizzata dal Consiglio Nazionale dei Geologi, patrocinata dal Ministero dell’Ambiente con la collaborazione del Dipartimento della Protezione Civile. Lo scopo? Divulgare la cultura geologica come elemento necessario per la salvaguardia del territorio e dell’ambiente.
“Portare nelle scuole i temi della prevenzione e le buone pratiche da adottare in situazioni di pericolo è un’iniziativa fondamentale per ridurre i rischi a cui i nostri cittadini sono troppo spesso esposti. Partire dalla formazione delle nuove generazioni è la priorità del nostro Dipartimento e per questo aderiamo convintamente a questa bella iniziativa promossa dal Consiglio Nazionale dei Geologi”. È il commento di Angelo Borrelli, Capo Dipartimento della Protezione Civile partecipando all’evento.

L’Italia è un Paese fragile dal punto di vista sismico, idrogeologico e vulcanico, per questo motivo i geologi sottolineano l’importanza di adottare corretti comportamenti in caso di calamità naturali. “Frane, alluvioni, terremoti, eruzioni vulcaniche: fenomeni naturali che caratterizzano il territorio italiano da sempre e ne trasformano inesorabilmente la morfologia. Anni e anni di assenza di pianificazione hanno fatto sì che tali eventi naturali determinassero catastrofi, interagendo con strutture e infrastrutture edificate in luoghi nei quali non era stata adeguatamente valutata la pericolosità geologica” dichiara Adriana Cavaglià, consigliere CNG con delega alla Protezione Civile. “Siamo abituati a sentir parlare di prevenzione quasi esclusivamente in concomitanza di emergenze – continua – dopo qualche giorno, molto spesso, tutto tace. Ed è da questa riflessione che nasce l’idea dei geologi italiani di entrare nelle scuole, lavorare in tempo di pace per educare i governanti di domani alla cultura dei georischi e della prevenzione”.
Il Consigliere dell’Ordine dei Geologi del Lazio e membro della Commissione di Protezione Civile, Marco Incocciati afferma: “Anche quest’anno l’Ordine dei Geologi del Lazio ha aderito a questa importante iniziativa, che ha visto la partecipazione di scuole secondarie di primo e secondo grado del Lazio: tra queste, anche l’Istituto Omnicomprensivo di Amatrice con le classi della scuola primaria di 4 e 5. Ci siamo messi a disposizione per condividere le problematiche legate alla corretta gestione e alla necessaria tutela del territorio. Nel Lazio, infatti, su 378 comuni, circa il 98% presenta almeno un’area a elevata pericolosità da frana, idraulica o derivante da altri fenomeni naturali e antropici. Appare quindi importante un’azione di sensibilizzazione come questa, mirata ad aumentare la cultura e la consapevolezza del rischio tra le giovani generazioni” conclude.

Le ultime

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.