Olio di palma, Greenpeace protesta: “In Indonesia distrutti 24 milioni di ettari di foresta”
O

I più letti

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il...

Secondo dati ufficiali del governo indonesiano, circa 24 milioni di ettari di foresta pluviale sono stati distrutti in Indonesia tra il 1990 e il 2015 per far posto alle piantagioni di palma da olio e di polpa di cellulosa per la produzione di carta.

Grennpeace rende noto che questa mattina 30 volontari hanno simulato la distruzione di una foresta davanti alla sede inglese della multinazionale Mondelēz, nota per i biscotti Oreo, che si rifornisce da Wilmar, il più grande commerciante al mondo di olio di palma. Gli attivisti hanno appeso uno striscione con la scritta “Oreo, stop olio di palma che distrugge le foreste”. La richiesta, già avanzata più volte dall’associazione ambientalista alla multinazionale, è quella di non acquistare più olio di palma legato alla deforestazione. Un’altra azione nonviolenta dopo quella di sabato scorso, quando sei attivisti hanno affiancato una nave cisterna che trasportava olio di palma di proprietà Wilmar diretta in Europa. Gli attivisti di Greenpeace, detenuti per 33 ore a bordo della Stolt Tenacity, sono stati rilasciati nella serata di ieri dalle autorità spagnole ad Algeciras. Né le autorità né il capitano della nave hanno sporto denuncia contro di loro.
«Wilmar deve essere un esempio per gli altri. Chiediamo a Mondelēz, e alle altre multinazionali che acquistano olio di palma da Wilmar, di sospendere le relazioni commerciali con questo fornitore fino a quando non sarà in grado di dimostrare che l’olio di palma che vende non è più prodotto a scapito delle foreste e violando i diritti umani», ha detto Martina Borghi, Campagna Foreste di Greenpeace Italia.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.