Indonesia, capodoglio morto sulla spiaggia: 6 kg di plastica nello stomaco
I

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

In Indonesia è stato rinvenuto un capodoglio morto su una spiaggia che nello stomaco aveva quasi 6 kg di plastica. A renderlo noto, un funzionario del parco nazionale Wakatobi, sull’isola di Sulawesi, dopo il ritrovamento avvenuto ieri sera. Il cetaceo, lungo 9,5 metri, aveva ingerito una massa di plastica composta da 115 bicchieri, quattro bottiglie, 25 sacchetti di nylon e persino due sandali infradito, oltre a centinaia di altri pezzi di plastica.
Dwi Suprati, una coordinatrice locale del WWF Indonesia, ha spiegato che non è possibile determinare se la morte del capodoglio sia stata dovuta alla plastica o no, dato lo stato di decomposizione della carcassa, ma il capodoglio è una delle specie più a rischio impatto con le reti e i rifiuti plastici la presenza di plastica nello stomaco degli animali marini rappresenta sempre più un gravissimo rischio per la loro sopravvivenza.
Un episodio simile era avvenuto a giugno scorso in Thailandia, dove una balena era stata trovata morta con centinaia di sacchetti di plastica nello stomaco.

Proprio quest’anno uno studio apparso quest’anno nei prestigiosi “Proceedings of the National Academy of Sciences” (PNAS), ha dimostrato la drammatica situazione dell’inquinamento di plastica che abbiamo prodotto a livello mondiale.
La produzione mondiale di plastica è passata dai 15 milioni del 1964 agli oltre 310 milioni attuali. Ogni anno almeno 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani del mondo e, ad oggi, si stima che via siano più di 150 milioni di tonnellate di plastica negli oceani.

Il Sud-est asiatico, poi, è una delle regioni al mondo maggiormente responsabili della presenza di plastica nel mare. Secondo la rivista Science, in uno studio pubblicato lo scorso gennaio, l’Indonesia e’ il Paese che dopo la Cina inquina di piu’ gli oceani con rifiuti di plastica.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.