Bertuccia, specie a forte rischio di estinzione: “Italia crocevia del traffico illecito”
B

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Si è svolta questa mattina a Roma la conferenza sul traffico illecito di bertucce, organizzata in collaborazione con i Carabinieri Forestali, AAP e IFAW. Il nostro Paese, infatti è, insieme alla Spagna, uno dei protagonisti di questo traffico, e registra un record negativo di importazione illegale di bertucce da Marocco e Algeria. 

La Bertuccia, purtroppo, è il mammifero più trafficato sulla rotta Nord Africa-Europa: solo in Marocco negli ultimi 25 anni la popolazione di bertucce ha registrato un calo demografico del 50%. E non è un caso, perché il Marocco rappresenta la porta d’accesso verso l’Unione Europea e il 90% degli animali confiscati senza la necessaria documentazione CITES – la specie è fortemente minacciata di estinzione e inclusa nell’Allegato I della CITES che ne vieta detenzione, commercio, possesso e donazione – proviene da questo Paese.

Negli anni il fenomeno è diventato un vero e proprio commercio internazionale legato a organizzazioni criminali che prelevano gli animali da cuccioli, strappandoli alle madri, li drogano con sciroppo per bambini e li trasportano chiusi nelle valigie, per poi venderli illegalmente sul mercato europeo. Lo dimostrano recenti studi dell’Università di Utrecht, illustrati nel corso della Conferenza, durante la quale è stato anche presentato il primo “Manuale per la gestione del sequestro e della confisca della Bertuccia Macaca sylvanus in Italia”, realizzato da LAV in collaborazione con i Carabinieri Forestali, con AAP e IFAW, che analizza dati provenienti da bibliografia italiana e internazionale, per  rendere patrimonio comune l’esperienza maturata dalle Forze dell’Ordine, dai veterinari e da altri esperti e accogliere la decisione unanime assunta nell’ambito del summit CITES della 17a Conferenza delle Parti (158 Paesi partecipanti) di mettere al bando il commercio di Bertucce e di altre specie minacciate.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.