Castelli Romani, monitoraggio del moscardino per rilevare la frammentazione dell’habitat

I più letti

Ecoturismo nei boschi: otto località italiane lontane dagli affollamenti

Sono boschi per i quali è stato verificato e certificata la presenza di decine di specie...

Nel 1909 il primo in Svezia: la Giornata Europea dei Parchi e il rilancio delle aree protette

La Settimana della Natura 2020 si chiude con la Giornata Europea dei Parchi, un ritorno alla natura con il...

Fase 2, 60mila assistenti civici per vigilare

(Adnkronos) "In settimana dalla Protezione civile lanceremo il bando per il reclutamento di 60.000 ‘assistenti civici’. Il bando è...

I tecnici naturalisti del Parco dei Castelli Romani hanno concluso nel mese di novembre i controlli relativi al monitoraggio del moscardino per l’anno 2018. Il Moscardino è un piccolo roditore di colore rossiccio, della famiglia dei gliridae, che per la sua abitudine di camminare sugli alberi scendendo a terra solo raramente rappresenta un importante indicatore della frammentazione degli habitat.

Il Parco dei Castelli Romani fa parte della Rete regionale di monitoraggio sul Moscardino, istituita allo scopo di attuare uno studio a lungo termine, volto ad acquisire dati importanti su questa specie inserita nella Direttiva Habitat (Allegato IV), nelle aree naturali protette del Lazio e nei siti Natura 2000. Il rilevamento dati, utile a conoscere le caratteristiche locali della specie, si effettua attraverso controlli periodici per verificare la presenza di esemplari nelle cassette nido. Nel 2018 sono stati svolti secondo le modalità standard della Rete regionale a maggio e giugno – settembre e novembre, un ulteriore controllo si svolgerà verso la fine di febbraio, per verificare lo stato delle cassette che dovranno essere pulite e svuotate o se danneggiate, riparate e sostituite.

I dati raccolti confluiranno in un unico database secondo le modalità previste dalla Rete regionale di monitoraggio. Non di rado capita durante i sopralluoghi di trovare nelle cassette nido, altri esemplari della fauna selvatica come ghiri, cinciarelle ecc., in questi casi non bisogna assolutamente disturbare gli animali, che vengono fotografati e archiviati su file con una diversa procedura, in modo che le informazioni acquisite, siano facilmente recuperabili se occorre, in fasi successive di confronto per sciogliere eventuali dubbi sui metodi d’indagine.

“Ci teniamo a sottolineare – precisa il Parco dei Castelli Romani – che le cassette nido rappresentano uno strumento di monitoraggio per la raccolta di dati scientifici di fondamentale importanza, in merito al mantenimento della specie e alla tutela dell’ecosistema. Si raccomanda quindi, a chi dovesse trovare le cassette durante una passeggiata nei boschi, di lasciarle così come posizionate, per non alterare i siti di campionamento e soprattutto di non avvicinarsi troppo disturbando gli animali all’interno”.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Parco d’Abruzzo, fotografata mamma orsa con 4 cuccioli: non si era mai avvistata prima

Non credevano ai loro occhi i due Guardaparco che hanno scattato queste foto due giorni fa, durante lo svolgimento...

Unione africana, oggi il 57esimo anniversario: “Italia in prima linea contro la desertificazione”

Roma - «Il primo incontro istituzionale che volli al Ministero, appena insediato, fu con Ibrahim Thiaw, il segretario esecutivo dell'Onu per la lotta alla...

Assistenti civici, chi sono e cosa fanno

(Adnkronos) Quello sugli assistenti civici è stato un accordo "chiuso con i sindaci che ringrazio e anche alle regioni che hanno firmato l'intesa. Gli...

Fase 2, riapertura tra regioni a rischio?

(Adnkronos) Dopo la possibilità di spostarsi liberamente entro la propria regione senza autocertificazione, gli italiani aspettano di potersi muovere anche tra una regione e...

Pregliasco: “Rischi effetto spogliatoio in palestre e piscine”

(Adnkronos) "La riapertura di palestre e piscine è uno step ulteriore" della fase 2 dell'emergenza coronavirus in Italia. "Una scelta giusta, perché l'attività fisica...

Il video del bambino e dell’orso bruno: “Ecco come comportarsi quando incontriamo la fauna selvatica”

Sporminore, ai lembi del Parco Naturale dell’Adamello Brenta, sopra i 2mila metri di quota. Loris Calliari gira il video di suo...

Fase 2, 60mila assistenti civici per vigilare

(Adnkronos) "In settimana dalla Protezione civile lanceremo il bando per il reclutamento di 60.000 ‘assistenti civici’. Il bando è rivolto a inoccupati, a chi...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.