Ricerca: è nel team Ispra lo scienziato più citato nelle pubblicazioni ambientali
R

I più letti

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Un ricercatore ISPRA è fra i più citati nelle pubblicazioni scientifiche in materia ambientale. Si tratta del dott. Piero Genovesi, incluso, per la materia ambientale e con un altro italiano, nel prestigioso elenco 2018 che riporta i ricercatori del mondo più citati di Clarivate Analytics, che  comprende circa 6000 scienziati considerati più influenti al mondo, identificati in base ad un’analisi delle loro pubblicazioni degli ultimi dieci anni. L’elenco riconosce i principali ricercatori in 21 settori delle scienze e delle scienze sociali di tutto il mondo. L’elenco annuale si basa sul numero di citazioni per articoli pubblicati su un periodo di 11 anni, e seleziona quelli classificati tra i primi 1% più citati per il loro campo tematico e l’anno di pubblicazione, identificando i più influenti scienziati mondiali nei diversi ambiti di ricerca.

Nell’edizione del 2018 sono presenti complessivamente 185 scienziati di materie ambientali, tra i quali, oltre a Piero Genovesi, anche il Dott. Carlo Rondinini dell’Università di Roma Sapienza. Genovesi è entrato nella prestigiosa lista grazie a numerosi articoli pubblicati nelle riviste scientifiche di maggior impatto, come Nature, Science, Science Advances, Nature Communications, Trends in Ecology and Evolution, Proceedings of the National Academy of Sciences e molte altre. L’inclusione di un ricercatore di ISPRA nella lista sottolinea l’elevato livello tecnico-scientifico raggiunto dall’ente, che pone il nostro Istituto tra i centri di eccellenza nel campo della ricerca ambientale a livello mondiale.

Piero Genovesi, laureato in scienze naturali con 100/100 e lode, ha conseguito un dottorato in biologia evoluzionistica. Primo tecnologo e responsabile dell’area gestione e conservazione della fauna di ISPRA. Membro dello Steering Committee dell’IUCN Species Survival Commission, presiede il gruppo specialistico dell’IUCN sulle specie invasive. Collabora con la Convenzione Biodiversità, la Commissione Europea e il Consiglio d’Europa. Research Associate presso la Concordia University di Montreal e International Science Advisor per il Centre for Invasion Biology, Stellenbosch University, Sud Africa. Membro del Consiglio Direttivo del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise e del Comitato di Coordinamento del Parco Nazionale dello Stelvio. Autore di libri e articoli scientifici pubblicati sulle più prestigiose riviste del mondo, comprese Science, Nature. Attivo anche nella divulgazione scientifica, è intervenuto in numerose trasmissioni radio-televisive sui temi della conservazione e, più in generale, del comportamento delle specie animali. E’autore di due libri per bambini sul tema della conservazione.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.