Venerdì nero: un lupo, un orso e un’aquila uccisi in un solo giorno
V

La striscia disallineata

Questa settimana ha registrato un venerdì nero per la biodiversità d’Italia: dopo la notizia di un’aquila reale rinvenuta morta sull’appennino parmense e le notizie di un orso bruno (già seguito dai ricercatori dell’Universita di Udine) ucciso da un cacciatore sloveno appena varcato il confine con l’Italia, poche ore fa le guardie del WWF hanno recuperato, in Calabria, la carcassa di un lupo, forse avvelenato. “Proprio per definire le cause della morte – fanno sapere gli ambientalisti – la carcassa è stata trasferita all’Istituto Zooprofilattico di Catanzaro, dopo l’allerta ai Carabinieri Forestali e alle autorità sanitarie competenti”.

In un solo giorno, il bracconaggio ha ucciso tre esemplari appartenenti a specie a rischio estinzione.

FLASH

Le ultime

Gennaio 2022, la stangata: pane e pasta +55% e inflazione al 4%

Le previsioni per le spese delle famiglie indicano un +2.580 euro all’anno con inizio nel 2022, ma la tendenza...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.