#SalvailClima, l’Italia verso la COP26: raggiunte 100 mila firme
#

I più letti

L’81% degli habitat è in peggioramento, preoccupazione per terreni erbosi, torbiere e dune: il rapporto dell’Agenzia Ambientale Europea

Agricoltura e selvicoltura non sostenibili, espansione urbana incontrollata e inquinamento sono i principali fattori a cui va imputato il...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo...

In pochi giorni, risultato straordinario grazie alla risposta eccezionale della società civile. La petizione, lanciata dall’ex Ministro dell’Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio e dalla Presidente del Milan Center for Food Law and Policy Livia Pomodoro, chiede al Governo di avanzare la proposta di candidatura dell’Italia come paese ospitante della Cop26, nel 2020, e rilanciare la leadership in Europa sui temi del cambiamento climatico. Adesioni su Change anche dal Vice Ministro dell’Istruzione Lorenzo Fioramonti, da Jimmy Ghione e da altre personalità. Hanno rilanciato la petizione Fanpage, Lifegate e il Blog di Beppe Grillo.

“La mobilitazione lanciata su Change.org e l’adesione in pochi giorni di 100.000 persone – dichiara Pecoraro Scanio – dimostra come gli italiani siano sempre più sensibili ai temi del cambiamento climatico e a quelle azioni propositive che puntano a efficaci politiche di transizione energica dai combustibili fossili alle rinnovabili”.

Livia Pomodoro, Presidente del Milan Center for Food Law and Policy, dichiara: “Siamo davvero orgogliosi per il risultato fino ad oggi raggiunto grazie al’ingente numero di firme raccolte e alla disponibilità del governo. Posso inoltre anticipare che la Regione Lombardia sosterrà la candidatura italiana rendendosi già da ora disponibile ad ospitare l’evento, mettendo a disposizione infrastrutture e risorse necessarie”.

“La situazione del clima è preoccupante, le tempeste tropicali sono devastanti e impongono un rapido cambio di rotta nelle politiche ambientali – spiega il Presidente della Fondazione UniVerde – L’obiettivo della petizione #SalvailClima è anche quello di sollecitare il governo italiano all’adozione di misure più coraggiose per la riduzione e poi per l’azzeramento delle emissioni di CO2”.

“La Cop26 potrebbe essere una delle ultime occasioni per costruire una strategia che punti coraggiosamente a contenere l’aumento della temperatura entro 1,5 gradi, scongiurando conseguenze gravissime – conclude Pecoraro Scanio – In questa battaglia, l’Italia può raccogliere una leadership importante e fondamentale, rilanciando il ruolo che abbiamo avuto nel 2006-2008 nella predisposizione della strategia 20-20-20, la prima vera azione dell’Unione europea verso la transizione energetica”.

Le ultime

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.