Caccia, Centinaio vuole riprendersi la delega dal ministero dell’Ambiente
C

I più letti

Bioplastiche, l’anno della pandemia batte il record: +9,4 sul 2019

La crisi economica per il Covid-19 non ha fermato la crescita del settore delle bioplastiche in Italia. Nel 2020...

Il Ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio ha annunciato l’intenzione di sottrarre al Ministero dell’Ambiente le deleghe sulla caccia.

Sulle specie cacciabili, se sono nostre, ci riprenderemo competenze senza delegarle al ministero dell’Ambiente – ha dichiarato il Ministro che ha aggiunto – Va aggiornata la struttura e il linguaggio del Ministero delle Politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo perché l’agricoltura non è più quella della volta. E perché un ministro non deve fare il vigile urbano ma dare una visione a medio e lungo termine al settore, delineare come faranno agricoltura i nostri figli”.

Non si sono fatte attendere le dichiarazioni di soddisfazione da parte del mondo venatorio. Il presidente nazionale di Federcaccia Gian Luca Dall’Olio ha affermato: “Siamo lieti che l’intervento in merito alla revisione dei Key Concept sulle specie cacciabili di pochi giorni fa del ministro dell’Agricoltura non sia stato estemporaneo, ma evidentemente parte di una strategia di rilancio del ruolo del suo Dicastero nella politica economico ambientale italiana”.

A questo punto attendiamo che anche il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa esponga la propria visione riguardo alle intenzioni e a quanto dichiarato dal Ministro Centinaio.

 

 

 

 

Le ultime

Bioplastiche, l’anno della pandemia batte il record: +9,4 sul 2019

La crisi economica per il Covid-19 non ha fermato la crescita del settore delle bioplastiche in Italia. Nel 2020...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.