Caccia alle balene, settore in crisi irreversibile: economia giapponese a rischio
C

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

L’Ente Nazionale Protezione Animali, che già in passato si era attivato contro il Giappone per il massacro delfini di Taiji e per la caccia cosiddetta “scientifica” (eufemismo per far digerire all’opinione pubblica le uccisioni di balene), è pronto a mobilitarsi e a tornare in piazza anche contro la riapertura della caccia commerciale, ennesima dimostrazione di una politica ostile agli animali. Secondo Enpa, la decisione di Tokyo è inaccettabile e incomprensibile, ma – soprattutto – sembra destinata a ritorcersi contro le stesse autorità giapponesi, accrescendone l’isolamento. Anche a livello interno visto che la stragrande maggioranza dei giapponesi (il 90% secondo fonti di stampa) non ne vuole proprio sapere di mangiare carne di balena. Tanto è vero che la caccia alle balene, oltre ad essere crudele, non è neanche redditizia dal punto di vista economico. Il settore è in crisi irreversibile e se – come informa il Corriere della Sera – non fosse stato sovvenzionato con 400 milioni di dollari, sarebbe crollato da tempo.

Ma per il Giappone, lo “strappo” rischia di avere altre gravi conseguenze, sempre dal punto di vista economico, perché moltissime persone – e non si tratta solo di animalisti e di ambientalisti – potrebbero essere indotte ad astenersi dall’acquisto di prodotti “made in Japan”, esprimendo in questo modo la propria protesta. “I segnali – spiega l’Ente Nazionale Protezione Animali – ci sono già. In questi giorni sono molti gli italiani che ci hanno contattato comunicandoci la loro profonda indignazione e l’intenzione di cambiare i loro comportamenti d’acquisto”.

Le balene e con esse gli altri cetacei e i pesci, e tutti gli ecosistemi marini, sono patrimonio dell’umanità. Cioè di noi tutti; nessuno dovrebbe disporne a proprio piacimento. “Con la caccia alla balene – prosegue Enpa – il Giappone si è appropriato e ha depauperato questo patrimonio comune. Ma siamo certi che l’opinione pubblica di tutto il mondo, Italia compresa, continuerà a far sentire la propria voce. Per dire basta a una pratica che non ha altra ragion d’essere se non quella di conquistare i consensi di un settore, questo sì, in via di estinzione”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.