Antartide, due ricercatrici Ispra in missione per studiare l’impatto dell’uomo sul clima
A

I più letti

Due ricercatrici dell’ISPRA, Cecilia Silvestri e Flavia Saccomandi, che da anni si occupano di studi in ambiente remoto, sono partite ieri per la spedizione in Antartide su invito dei partners Inglesi del British Antartic Survey (BAS), per l’esperienza maturata su specifiche tematiche del mare e a seguito delle relazioni internazionali consolidate negli anni attraverso diversi progetti. La missione è iniziata ieri, 27 dicembre e terminerà il 15 febbraio 2019. L’Oceano meridionale è una regione ecologicamente importante per il basso livello di pressione delle attività antropiche che determina quindi un basso impatto. Questa regione è considerata come “regione di riferimento”, cioè la nostra linea di base per tutti quei processi che coinvolgono lo scambio naturale di anidride carbonica tra l’atmosfera e l’acqua. Se si conosce il punto di partenza, cioè quello naturale, è possibile valutare gli incrementi dell’attività umana.

Lo studio in Antartide dei processi naturali è fondamentale per sapere quanta CO2 viene emessa naturalmente in atmosfera e quanta invece, di quella atmosferica, viene coinvolta naturalmente nei processi di acidificazione dei mari. Le analisi che ISPRA condurrà saranno in grado di differenziare il carbonio naturale da quello di origine antropica presente nell’ambiente acquatico. In questo modo si potrà comprendere come le attività umane stiano alterando i fattori relativi ai cambiamenti climatici. Inoltre, ISPRA offrirà supporto al BAS sullo studio delle microplastiche rinvenute nel Krill (i piccoli crostacei sono la fonte primaria di cibo per molti mammiferi marini e per i pesci), in particolare attraverso la caratterizzazione dei campioni di microplastiche rinvenute.

L’analisi delle microplastiche in area remota può consentire la quantificazione dei livelli di riferimento della contaminazione diffusa nei mari; inoltre la caratterizzazione sulla loro origine e la conoscenza della loro diffusione geografica, può servire a comprendere se la contaminazione sia dovuta ad un trasporto a corto o a lungo raggio. Lo studio sia delle microplastiche che del carbonio presente nella sostanza organica, sarà condotto mediante l’analisi degli isotopi stabili del carbonio e dell’azoto: una tecnica analitica estremamente all’avanguardia di cui ISPRA è centro di eccellenza. Le analisi isotopiche saranno condotte presso i laboratori ISPRA di Chioggia e vedranno impegnati diversi ricercatori.

Le ultime

Sutri, il sindaco Sgarbi tiene aperti i musei

E per domani pomeriggio convoca il Consiglio Comunale con all’ordine del giorno importanti provvedimenti E’ datato lunedì...

Magnesio nuovo “termometro” per studiare temperatura e variazioni del clima: la ricerca italo-australiana su Nature

L’Università di Pisa partner dello studio sull'Antro del Corchia in Toscana pubblicato sulla rivista Nature Communications C’è un...

Covid, Bambin Gesù: ecco come viaggia il virus nell’aria con un colpo di tosse

Riprodotta in 3D la dispersione di droplet e aerosol in un pronto soccorso. Calcolati gli effetti dei sistemi di aerazione. Lo studio...

Marco Mari è il nuovo presidente di Green Building Council Italia

Il Consiglio di Indirizzo di GBC Italia, composto dai neoeletti 24 membri, ha proclamato il 23 ottobre, con voto unanime, Marco Mari nuovo Presidente...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando spettacolo e attirando l'attenzione dei...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.