Tre grifoni dallo zoo di Amsterdam, destinazione libertà: Sardegna
T

I più letti

WIMA2021, la montagna come hub di innovazione: proclamati i vincitori della seconda edizione

Una scarpa riciclabile, che si trasforma in scarpone da sci, una startup che aiuta a ridurre la propria impronta...

Clima, gli USA mandano John Kerry a colloquio con l’UE

A seguito dell'insediamento del Presidente Biden, l'UE sta già collaborando con la nuova amministrazione statunitense per affrontare la crisi...

Incendi Australia, la tecnologia scende in campo per rigenerare la natura perduta

Dalle ceneri dei devastanti incendi che la scorsa estate hanno colpito l’Australia, il WWF ha costruito una visione audace...

Sono sbarcati nel primo pomeriggio all’aeroporto di Elmas – in provincia di Cagliari – i tre grifoni nati in cattività nel Royal Zoo Artis di Amsterdam, destinati a tornare in natura per completare il ripopolamento dell’areale bosano grazie al progetto LIFE “Sulle ali del grifone”. I tre rapaci, due maschi e una femmina di circa dieci mesi, sono già stati trasferiti ad Olmedo (Sassari) all’interno di gabbie da viaggio prima di essere trasferiti nella voliera di pre-ambientamento del presidio forestale di Monte Minerva a Villanova Monteleone. Ed è proprio qui che verranno rilasciati, dove si uniranno ai 38 già rilasciati in questi ultimi due anni grazie all’operativitá del personale Forestas supportato dai fondi e dal team creato per questo progetto Life.

Tutta l’operazione rientra nel progetto “Life – Sotto le ali del grifone”, ideato per la conservazione della specie e che coinvolge l’Università di Sassari (capofila del progetto) il Comune di Bosa, il Corpo forestale e l’Agenzia Forestas. I tre grifoni saranno monitorati con un trasmettitore GPS, in modo che lo Zoo Artis sarà in grado di seguirne il comportamento nel nuovo ambiente. La Sardegna è in prima linea nella salvaguardia dei rapaci a livello europeo grazie alle numerose collaborazioni instaurate dall’agenzia Forestas nell’ambito di progetti Life con gli altri centri di ricerca francesi e spagnoli.
Infatti, grazie a questo progetto e per la prima volta sul territorio nazionale, nel 2016 sono stati attivati i carnai aziendali per l’alimentazione dei grifoni e degli uccelli necrofagi. L’isola, grazie all’iter di approvazione iniziato dall’assessorato regionale della Difesa dell’Ambiente e concluso da quello della Sanità, era stata la prima Regione in Italia ad attivare le deroghe previste dai regolamenti comunitari per lo smaltimento dei SOA (carcasse animali) in Italia.
I tre esemplari hanno già superato tutti i controlli sanitari preventivi, risultando negativi ai test sulle malattie che colpiscono gli uccelli: influenza aviaria, la ‘Newcastle’ o ‘pseudopeste aviare’ e la ‘West Nile Disease’.

 

Le ultime

Misurare la CO2 in classe per prevenire il contagio: al via in 12 scuole pugliesi il progetto pilota di SIMA

Parte dalla Regione Puglia il progetto pilota “Misuriamo la CO2 a scuola” della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA)....

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.