Uccelli migratori, “Dall’UE tentativo di spodestare la scienza”

I più letti

“È in atto un’invasione di campo senza precedenti in materia di tutela della biodiversità per favorire l’allungamento della stagione venatoria. Sotto attacco il lavoro scientifico di Ispra e la potestà del Ministero dell’Ambiente”. Lo dichiarano le associazioni Enpa, Lac, Lav, Lipu – BirdLife Italia e Wwf Italia a proposito dell’iniziativa assunta dal Dipartimento delle politiche europee contro Ministero dell’Ambiente e Ispra in merito alla trasmissione alla Commissione europea dei dati relativi alla protezione degli uccelli selvatici.

La materia riguarda la revisione dei cosiddetti Key concepts, cioè le date migrazione degli uccelli selvatici. Un argomento importantissimo sotto il profilo della conservazione della biodiversità, finalizzato alla protezione dei periodi biologici più delicati quali quelli della riproduzione e della migrazione. Peraltro, una materia completamente e indiscutibilmente di potestà del Ministero dell’Ambiente e di pertinenza scientifica dell’autorità del settore, vale a dire l’Ispra, l’Istituto per la ricerca e la protezione ambientale.

“Ebbene – aggiungono le associazioni – con un atto che ha dell’incredibile, il Dipartimento delle Politiche Europee ha assunto arbitrariamente l’iniziativa, tentando di spodestare il Ministero dell’Ambiente per trasmettere direttamente alla Commissione europea i dati fornitigli dai cacciatori. Un’azione priva di ogni fondamento giuridico, al limite del golpe istituzionale, che calpesta anni di ricerca scientifica da parte di Ispra ed espone l’Italia ad una figuraccia internazionale senza precedenti. La ragione di tutto questo? Tentare di favorire la richiesta dei cacciatori italiani di allungare i tempi di caccia consentiti e privare gli uccelli selvatici dei necessari livelli di tutela. Un comportamento – concludono – a cui le associazioni venatorie italiane ci hanno da tempo abituato ma al quale si è incredibilmente prestato un Ministero, quello delle Politiche europee, al punto da calpestare le prerogative, i poteri e le competenze di un altro”.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Birra artigianale e liquore aromatizzati ai fiori di canapa: lo studio dell’Università di Pisa

Sono il risultato di una ricerca dell’Università di Pisa realizzata con tre realtà del territorio; lo studio...

Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica

L'Oipa ha chiesto l'immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde Strage di pesci a Roma. Centinaia di...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.