Alberi in città, presentate le linee guida per una gestione equilibrata
A

I più letti

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici,...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Una gestione del verde urbano razionale ed equilibrata, che consideri tutti i fattori che entrano in gioco, dai servizi ecosistemici al paesaggio, dalla sicurezza alla biodiversità. È quanto si propone di fare la Lipu con il nuovo documento “Alberi in città: sostituire o conservare?” incentrato su uno dei temi più attuali nella gestione del verde urbano: la sostituzione delle alberate, soprattutto di viali e piazze.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”reg” ihc_mb_template=”3″ ]Se è vero che in città le piante subiscono molti stress a causa dell’inquinamento e degli scavi che danneggiano le radici, occorre sottolineare che gli alberi non hanno una durata massima della vita come accade negli animali, non essendovi corrispondenza tra età cronologica e sviluppo. La longevità delle piante può raggiungere diverse centinaia e perfino migliaia di anni, e questo avviene anche nelle aree urbane. Gli alberi ed il verde urbano offrono numerosi benefici per la salute psico-fisica delle persone e per il miglioramento dell’ambiente (servizi ecosistemici): produzione di ossigeno, riduzione degli inquinanti atmosferici, miglioramento del microclima e contrasto dei cambiamenti climatici, tutela dal rischio idrogeologico, incremento di valore degli immobili. In questo quadro è da considerare che l’Italia è lo Stato membro dell’Unione europea più colpito in termini di mortalità connessa all’inquinamento da particolato, con più di 66mila decessi prematuri all’anno.
“La gestione del verde urbano deve essere razionale ed equilibrata, considerando tutti i fattori che entrano in gioco, come i servizi ecosistemici, il paesaggio, la sicurezza e la biodiversità – afferma Marco Dinetti, responsabile Ecologia urbana della Lipu – Occorre privilegiare le tecniche agronomiche che migliorano lo stato di salute delle piante, e quindi la loro stabilità, effettuando controlli regolari e mettendo in atto misure per aumentare la sicurezza, nel rispetto degli alberi. Gli interventi più invasivi, come potature e abbattimenti, vanno effettuati in maniera mirata e solo dove realmente necessario. “Un certo rinnovo delle alberature in città è necessario, ed i piani di gestione devono essere decisi da quelle professionalità che hanno una competenza specifica, come agronomi e forestali, in stretta collaborazione con ecologi, botanici e ornitologi – conclude Dinetti – Senza dimenticare la sinergia con la cittadinanza, perché il verde urbano è un bene comune e di interesse pubblico”.[/ihc-hide-content]

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.