Inquinamento, maglia nera per l’Italia: “Più alto numero di aree a rischio in Europa”
I

La striscia disallineata

Riaprite le biblioteche a tutti i ragazzi!

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta di alcuni bibliotecari italiani ai propri colleghi. "RIAPRIRE LE BIBLIOTECHE A TUTTI I RAGAZZI” Cose...

In Italia è presente il maggior numero di aree esposte a tre tipi di inquinamento atmosferico – da particolato, da biossido di azoto e da ozono – e alle ondate di calore. È quanto emerge dal primo rapporto dell’Agenzia Europea per l’Ambiente (EEA) che mette in relazione indicatori sulla salute, ambientali e socio-demografici.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”reg” ihc_mb_template=”3″ ]Lo studio sottolinea che le diseguaglianze economiche e sociali aumentano l’impatto di inquinamento atmosferico e acustico e delle temperature estreme, con i paesi del Sud e dell’Est Europa più vulnerabili. Il rapporto dell’Agenzia Ue rileva che i rischi maggiori per la salute da inquinamento e cambiamenti climatici si registrano in aree dove i redditi e il livello di istruzione sono inferiori alla media europea, e superiori sono i tassi di disoccupazione a lungo termine e di anzianità della popolazione. Tra le città con i più alti livelli di disoccupazione e la più alta esposizione al particolato Pm10 sono citate Torino, Stara Zagora (Bulgaria) e Nicosia (Cipro).
L’Italia è uno dei tre paesi Ue (gli altri sono Grecia e Slovacchia) che presenta più territori in cui i rischi ambientali si sovrappongono fattori sociali. Nella Penisola si trova il maggior numero di aree in Europa esposte a tre tipi di inquinamento atmosferico – da particolato, biossido di azoto e ozono – e alle ondate di calore, con la presenza simultanea dei problemi di smog tipici delle aree urbane con reddito pro-capite inferiore alla media europea (Pm10 e ozono) e quelli delle regioni sviluppate (biossido di azoto). “La questione è tristemente nota – scrivono in una nota Matteo Badiali ed Elena Grandi, co-portavoce dei Verdi Italiani – perché ad esempio lo scorso anno la ASL del Comune di Bologna ha dichiarato che i bambini nati nel 2017 avranno un’aspettativa di vita inferiore di almeno 6 mesi rispetto a quelli nati negli anni precedenti, proprio a causa dell’inquinamento. I numeri – concludono – ci dicono che dobbiamo realizzare la Transizione Ecologica attraverso un Green New Deal e dobbiamo farlo ora, ne va della salute delle cittadine e dei cittadini italiani e di tutti i nostri figli.”[/ihc-hide-content]

FLASH

Le ultime

Cowspiracy e non solo: i documentari a tema ambientale disponibili su Netflix

È importante tenersi aggiornati sui temi legati all’ambiente, perché si parla di un argomento che riguarda da vicino tutti...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.