Milano-Bicocca, al via il master per le professioni della sostenibilità
M

La striscia disallineata

Benessere degli animali. Questa “certificazione volontaria”inganna il consumatore e danneggia l’allevatore onesto

Due Ministri, Speranza e Patuanelli: una promessa tradita. Il Coordinamento unitario delle Associazioni animaliste, compresa Legambiente, Confconsumatori e Ciwf...

Pubble, al via la nuova video-rubrica: “Il volto del mondo è il risultato dei complotti della storia”

Pubble l'imbannabile, seguitissima vignettista di satira che si occupa di politica e società utilizzando i social network per comunicare...

La ricerca di soluzioni sostenibili nell’ambito dei 17 obiettivi fissati dalle Nazioni Unite – dalla salute all’energia, dalla povertà all’istruzione – rappresenta il terreno su cui si gioca l’impegno e il futuro di imprese, istituzioni e società civile e, al tempo stesso, una grande opportunità di lavoro che necessita di profili professionali dotati di conoscenze e competenze approfondite e multidisciplinari. Da queste premesse nasce a Milano il primo Master di II livello in Sustainable Development Jobs, un percorso multidisciplinare di alta formazione interamente in inglese promosso dall’Università degli Studi di Milano-Bicocca e Fondazione Giangiacomo Feltrinelli in collaborazione con Università degli Studi di Milano, Politecnico di Milano, Università degli Studi di Pavia e Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS).

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”reg” ihc_mb_template=”3″ ]Dalla responsabilità sociale d’impresa alla ricerca, dal coinvolgimento di comunità e stakeholder alla comunicazione, sono sempre di più gli ambiti e i profili professionali legati alla sostenibilità: in un contesto dove globalizzazione, rivoluzione digitale e crisi ecologica stanno ridisegnando le principali sfide del futuro, aumenta la domanda di sustainable development jobs, i mestieri legati agli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU (SDGs).

Il Master propone una didattica interdisciplinare che prevede lezioni frontali, attività laboratoriali e workshop con testimoni istituzionali e aziendali – tra cui Adecco, Banca Prossima, ASviS e FEEM – attraverso un percorso intensivo part-time rivolto a laureati di secondo livello e un piano di aggiornamento per professionisti del settore privato, della pubblica amministrazione, di enti governativi e agenzie internazionali. Sustainability manager, sustainability ambassador, community engager, communication specialist, research advisor sono i profili che oggi si trovano con sempre maggior frequenza nelle multinazionali, nella PMI e nella Pubblica Amministrazione. Il percorso di studi punta a disporre di abilità eterogenee e multidisciplinari attraverso insegnamenti che vanno dal project management al community e stakeholder engagement, dalla science diplomacy alla sustainability culture in grado di dare corpo e sostanza agli SDGs, interpretandoli come un asset di sviluppo della propria carriera. Una proposta formativa per ripensare e mettere in discussione alcuni fondamenti degli attuali modelli di produzione e consumo, l’utilizzo efficiente delle risorse, l’introduzione di forme di economia circolare fino alla riorganizzazione degli spazi urbani, secondo modelli che integrino innovazione, tecnologia, ma anche benessere sociale, nel rispetto della biodiversità dei territori e delle comunità.[/ihc-hide-content]

FLASH

Le ultime

La conservazione della natura è donna: eletta la nuova presidentessa IUCN

I  componenti dell'Assemblea dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN),  hanno eletto Razan Khalifa Al Mubarak nuova presidentessa...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.