Zenzero, record di consumi: “Attenzione a quello cinese”
Z

I più letti

Suber, la linea di design che dà una seconda vita ai tappi di sughero

Nasce “Suber" è la prima linea di oggetti di design realizzati interamente in Italia, con il sughero recuperato dal...

Balenottera morta nel porto di Sorrento: la rimozione e poi la necroscopia mentre si cerca il piccolo

Si sono concluse nel cuore della notte le complesse operazioni di rimozione e trasporto dell’esemplare di balenottera individuato lo...

Disastro ambientale nel veronese: un agricoltore sparge mais avvelenato e fa strage di fauna

Disastro ambientale nelle campagne del veronese. Centinaia di animali sono morti in un terreno di circa tre ettari a...

Con un aumento record degli acquisti del 73% nel 2018, lo zenzero entra nel paniere in rappresentanza della categoria dei cosiddetti superfood ai quali vengono associati specifiche proprietà salutistiche che alimentano il boom nel carrello. È quanto afferma la Coldiretti sulla base dei dati Nielsen nel sottolineare però che spesso si tratta di un alimento che proviene dalla Cina che ha bassissimi livelli di sicurezza alimentare per contaminazioni microbiologiche, aflatossine o pesticidi oltre i limiti che vanificano le proprietà benefiche antinfiammatorie ed antiossidanti.

[ihc-hide-content ihc_mb_type=”show” ihc_mb_who=”reg” ihc_mb_template=”3″ ]”Anche per questo la produzione – sottolinea la Coldiretti – ha iniziato a svilupparsi in Italia dove invece si coltivano grandi quantità di frutti di bosco, anch’essi entrati nel paniere Istat spinti dalla domanda di salute degli Italiani. More, mirtilli, lamponi e fragoline Made in Italy – continua la Coldiretti – sono riconoscibili dall’obbligo di indicare la provenienza in etichetta e fanno parte di quell’ampia gamma di ‘superfood della nonna’ ai quali la tradizione popolare prima della scienza riconosce importanti proprietà benefiche. Dalla patata viola che possiede interessanti proprietà antitumorali e contro l’invecchiamento grazie soprattutto ad alcune sostanze presenti nella buccia alle mele e le pere cotogne, ricche di pectina che aiuta a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo e glicemia nel sangue, dall’azzeruolo i cui frutti – conclude la Coldiretti – sono ottimi ricostituenti e tonici fino al  pomodorino del piennolo, una varietà antica di pomodoro dalle proprietà antiossidanti”.[/ihc-hide-content]

Le ultime

Slow Food lancia “On My Plate”: la prima challenge internazionale sul cibo buono, pulito e giusto

È appena stata lanciata On My Plate, la campagna con cui Slow Food si pone alla guida di oltre tremila...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.