Emergenza tumori, la Camera a un passo dalla legge che ne istituisce il Registro Nazionale
E

I più letti

Il vino, il made in Italy e la nuova agricoltura: intervista al Sottosegretario Gianmarco Centinaio

Il registro nazionale dei paesaggi rurali storici conta attualmente 25 tra i più significativi luoghi d’Italia dove nei secoli...

É stato approvato ieri in Commissione Ambiente alla Camera dei Deputati il disegno di legge che istituisce e disciplina la “Rete nazionale dei registri dei tumori, dei sistemi di sorveglianza e del referto epidemiologico per il controllo sanitario della popolazione”, già passato all’esame del Senato lo scorso novembre. Il prossimo passaggio è in calendario per marzo, con la discussione in Aula.

“Il parere favorevole all’istituzione di un registro nazionale dei tumori è un risultato indispensabile per la tutela della salute dei nostri cittadini. Il mio grazie va alla senatrice Maria Domenica Castellone, giuglianese come me, prima firmataria della proposta di legge e che da anni si batte per questo importante tema di salute pubblica”. Commenta così il sottosegretario all’Ambiente on. Salvatore Micillo, che spiega: “Ci sono aree del nostro Paese dove ci si ammala più che in altre. Penso alla terra dei Fuochi, ma non solo. Stiamo fronteggiando una situazione di emergenza, che merita risposte concrete e grazie allo strumento del Registro Nazionale Tumori potremo monitorare più efficacemente tutto il territorio nazionale, studiando eventuali associazioni con l’esposizione a fattori di rischio, e aumentare i livelli di prevenzione”.

Le ultime

Il vino, il made in Italy e la nuova agricoltura: intervista al Sottosegretario Gianmarco Centinaio

Il registro nazionale dei paesaggi rurali storici conta attualmente 25 tra i più significativi luoghi d’Italia dove nei secoli...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.