Caserta, sequestrati dodici pozzi contaminati da arsenico
C

I più letti

BacktoWork, nasce la piattaforma che consente di investire sulla pellicola alimentare ecocompatibile

Venerdì 22 gennaio è iniziata la #rivoluzionegreen di Beeopak Srl, la startup nata a Torino nel 2019, produttrice dell’involucro...

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Ricerca UniPg: dalla carne di coniglio una soluzione innovativa per i sistemi agroalimentari del Mediterraneo

Si chiama Omega Rabbit, è basato sulla carne di coniglio, e potrebbe diventare un alimento capace di rappresentare una soluzione...

Sequestrati dodici pozzi tra i comuni di Caserta e San Nicola la Strada a causa delle elevate concentrazioni di metalli pesanti riscontrate, arsenico in particolare.

“I miei complimenti vivissimi ai Carabinieri del Nucleo operativo ecologico di Caserta e del Nucleo investigativo di polizia ambientale, agroalimentare e forestale di Caserta e alla Procura della Repubblica di S. Maria Capua Vetere per l’importante operazione condotta”. Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa commenta così il sequestro di dodici pozzi contaminati. L’arsenico è una sostanza nota per la sua elevata tossicità: in uno dei pozzi i valori hanno superato di 850 volte quelli di tollerabilità previsti. “Come è emerso dalle indagini – prosegue il ministro – la disastrosa situazione riscontrata nel casertano, sebbene non consenta di attribuire precise responsabilità in capo a singoli soggetti, evidenzia come fosse nota dal 2010 ai livelli locali di governo del territorio. Quel territorio è stato poi trasformato in area urbana. L’operazione – continiua Costa – coordinata magistralmente dalla Procura e condotta con sapienza in fase investigativa e operativa dai diversi comparti dell’Arma specializzati in materia ambientale, conferma come l’attenzione per la tutela dell’ambiente e della salute pubblica sia e debba essere una priorità reale. Si conferma l’importanza – conclude Costa – di indagini approfondite per scoprire crimini ambientali come questo, purtroppo frequenti nel nostro Paese, che hanno bisogno della collaborazione e dell’azione sinergica di più soggetti, delle forze dell’ordine ma non solo, per approfondire tutti i profili di responsabilità”.

“Una situazione molto grave – ha aggiunto il sottosegretario all’ambiente Salvatore Micillo – che conferma la necessità di una forte presenza sul territorio e di un sempre maggiore impegno nel campo delle bonifiche e del danno ambientale. Il Ministero dell’Ambiente in questi mesi ha portato al centro dell’azione di Governo il risanamento dei Siti di Interesse Nazionale, e non solo, creando una cabina di regia nazionale, rafforzando la rete e il dialogo tra i diversi livelli istituzionali competenti e stanziando milioni di euro per le Regioni e le attività di bonifica. Vogliamo accelerare i processi e ridare ai cittadini il loro territorio, dopo troppi anni di attesa”.

Le ultime

Misurare la CO2 in classe per prevenire il contagio: al via in 12 scuole pugliesi il progetto pilota di SIMA

Parte dalla Regione Puglia il progetto pilota “Misuriamo la CO2 a scuola” della Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA)....

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.