Clima, in tutto il mondo già migliaia di studenti in protesta: “Coinvolgiamo le scuole”
C

I più letti

Riforma dello sport, obblighi e multe imposti all’escursionismo invernale: CAI e guide ambientali scrivono al Ministro

Per praticare le attività escursionistiche in ambienti innevati, anche mediante le racchette da neve, sarà obbligatorio munirsi di “sistemi...

Recovery Fund, Lipu: “Fondi alla biodiversità annunciati ma inesistenti”

La nota della Lipu: “Nonostante l’obbligo sancito dal regolamento europeo sul Recovery and Resilience Fund, la bozza di piano...

Slow Food lancia “On My Plate”: la prima challenge internazionale sul cibo buono, pulito e giusto

È appena stata lanciata On My Plate, la campagna con cui Slow Food si pone alla guida di oltre tremila...

L’associazione Marevivo ha chiesto agli studenti e ai docenti delle scuole italiane di aderire, il prossimo venerdì 15 febbraio, al movimento #FridaysForFuture, che ha coinvolto migliaia di ragazzi in tutto il mondo uniti da un solo obiettivo: protestare contro la mancanza di azioni per mitigare il cambio del clima.

Marevivo, da sempre in prima linea per la difesa e la salvaguardia del mare, non può che sostenere fortemente la protesta: gli oceani svolgono un ruolo fondamentale per i cambiamenti climatici, se in buona salute producono il 50% dell’ossigeno che respiriamo e assorbono fino ad un terzo delle emissioni di anidride carbonica, principale causa dell’effetto serra e del conseguente riscaldamento globale. L’iniziativa #FridaysForFuture è partita grazie all’azione della quindicenne svedese Greta Thunberg, che, da oltre un anno, ogni venerdì salta la scuola per manifestare davanti al Riksdag, il parlamento svedese, con l’obiettivo di chiedere ai Governi mondiali di prendere provvedimenti immediati per salvaguardare il futuro delle nuove generazioni e di tutto il Pianeta. La determinazione della giovane attivista è servita a spronare i suoi coetanei in tutto il mondo che hanno dato vita ad una vera e propria mobilitazione collettiva che si tiene ogni venerdì. Marevivo si è rivolta ai dirigenti scolastici, ai docenti ma soprattutto agli studenti degli istituti già coinvolti nei suoi progetti di educazione ambientale. I ragazzi si riuniranno in un’azione collettiva che verrà poi condivisa sui social media di Marevivo, per chiedere che vengano prese immediate azioni di tutela e protezione dell’ambiente dalla minaccia del cambiamento climatico.

Per l’occasione la presidente di Marevivo Rosalba Giugni alle 11:00 sarà a Magliano Sabina, dove oltre 700 studenti si riuniranno per partecipare alla protesta globale. L’evento coincide anche con l’inizio del percorso “Magliano Libero dalla Plastica”; secondo quanto annunciato dal sindaco Alfredo Graziani, infatti, il paese diventerà plastic free a partire dal 15 febbraio. L’uso della plastica monouso sarà vietato nella sede comunale, negli impianti sportivi, nell’Ecostello, nelle mense scolastiche e ad ogni sagra che si svolgerà nel comune.

Le ultime

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.