“I cacciatori assaltano la scienza”: Enpa si appella al Presidente Conte
&

I più letti

Come la nuova concezione dell’abitare può veramente rispettare e integrarsi nell’ambiente

Come architetti ci interroghiamo alla continua ricerca di un equilibrio tra contesto e cliente ma la risposta è un’altra domanda: come è cambiata la concezione dell’abitare? Oggi finalmente è il committente a chiedere soluzioni...

Alessandra Prampolini è la nuova direttrice generale WWF: un vertice in rosa insieme a Donatella Bianchi

Il WWF Italia ha un nuovo direttore generale. La scelta del Consiglio Nazionale, che ha ringraziato il direttore generale...

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

“Un attacco contro l’Ispra, autorità scientifica nazionale per l’ambiente, e il Ministero dell’Ambiente, con il solo fine di limitare le tutele per gli uccelli migratori, già sottoposti a forte pressione venatoria”. Lo dichiarano le associazioni Enpa, Lac, Lav, Legambiente, Lipu – BirdLife Italia e Wwf Italia a fronte del “tentativo del Ministero delle Politiche agricole di manomettere i dati scientifici richiesti dalla Commissione europea e raccolti da Ispra, nonché già da tempo trasmessi a Bruxelles, per la revisione delle date di migrazione degli uccelli”.

“Le pressioni dei cacciatori – continuano le associazioni – hanno superato ogni limite, rappresentando un’invasione di campo senza precedenti, in una materia di chiara e completa competenza del Ministero dell’Ambiente, sulla quale da sempre il Ministero del’Ambiente e Ispra operano correttamente. Si tratta di una materia di grande importanza sotto il profilo della conservazione della biodiversità – aggiungono – perché finalizzata a dare protezione ai periodi biologici più delicati per gli uccelli selvatici quali quelli della riproduzione e della migrazione. Una materia sulla quale, peraltro, l’Italia è attualmente sotto inchiesta da parte dell’Unione europea, con un’apposita procedura Eu-Pilot. Da qui – concludono – il nostro appello al Ministro Costa, perché non si lasci intimorire e vada avanti sulla strada corretta, e al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte: respinga ogni pressione e ponga fine a questa situazione scabrosa, che rischia di fare male alla natura italiana e di esporre l’Italia ad una pessima figura internazionale”.

Le ultime

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.