Carnevale sostenibile, 5 regole per festeggiarlo senza ‘scherzi’ per il pianeta
C

I più letti

In libreria un manuale per supereroi salvambiente

E' uscito nelle libere all'inizio di settembre “IO CI TENGO! Manuale per supereroi salvambiente”. La pubblicazione, che...

Cinghiali abbattuti a Roma, Franco Perco: “Gli animali selvatici siano il campo di specialisti, non di pie dame”

Roma Nord, parco giochi di un quartiere contiguo al centro. Giovedì scorso una femmina di cinghiale...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo...

Spesso il Carnevale lascia le strade piene di sporcizia, coriandoli, stelle filanti, trombette e ogni genere di rifiuto vengono lasciati lì in strada, quintali di maschere gettate via nella spazzatura all’indomani dei festeggiamenti insieme a festoni e pupazzi di carta pesta. “È vero che si dice che a Carnevale ogni scherzo vale – ha commentato Barbara Molinario, Presidente di Road to green 2020, associazione che si occupa di sostenibilità – ma questo sembra davvero un brutto scherzo da giocare al nostro Pianeta. Purtroppo, ogni anno quello che dovrebbe essere il periodo più allegro, produce tonnellate di rifiuti non riciclabili o smaltiti in modo errato, con un impatto ambientale non indifferente. Con questo, non voglio certo dire che dobbiamo smettere di festeggiare il Carnevale, ma, semplicemente, vorrei invitare tutti ad adottare dei comportamenti che siano più rispettosi del mondo in cui viviamo. In questo modo, non diminuirà certo il divertimento, ma solo i rifiuti”. Ecco le 5 regole per un Carnevale green:

Coriandoli green: Negli ultimi anni si vedono sempre più di frequente coriandoli e stelle filanti di plastica. Se è vero che i colori sono più sgargianti e l’impatto visivo è maggiore, è anche vero che quando finiscono a terra, questi provocano un impatto ambientale maggiore. Le eventuali piogge periodo, poi, li portano via dalla nostra vista, ma fanno sì che questi finiscano in fiumi, mari e tombini, provocando anche disagi. Cerchiamo di preferire i coriandoli in carta, magari realizzati in casa ritagliando giornali, riviste, volantini promozionali e quant’altro, un’attività molto divertente da fare con i bambini. Se lavorate in un ufficio in cui si utilizzano le macchine per fare i fori ai fogli, basterà svuotare una di quelle… et voilà! Una generosa manciata di coriandoli pronta all’uso.

Costumi fai da te o di riciclo: Non è sempre necessario andare ad acquistare nuove maschere di carnevale. Il fai da te e il riciclo sono delle ottime idee per risparmiare denaro e rifiuti. Cercando bene tra armadi e cassetti, spesso si riscopre l’esistenza di capi dimenticati, che magari sono perfetti per l’occasione. Se avete un po’ di dimestichezza con taglio e cucito, potete adattare vestiti e tessuti di recupero, creando costumi originali e divertenti. Anche la condivisione è un’eccellente soluzione, scambiando con amici e parenti le maschere dei bambini, senza doverne acquistare di nuove ogni anno. L’importante è che quando si decide di gettare via questi indumenti, vengano smaltiti nel modo corretto: gli accessori in plastica o cartoncino, negli appositi contenitori, così come tutto ciò che è in tessuto, dovrà finire nei cassonetti dedicati.

Trucchi eco-bio: Tutto quello che spalmiamo sul nostro volto e su quello dei nostri bambini viene assorbito dalla pelle e, una volta lavato via, finisce nelle acque di mari e fiumi. Meglio utilizzare prodotti che non contengano sostanze chimiche, siliconi e petrolati. Per realizzare dei trucchi green di carnevale, basterà acquistare nei negozi specializzati dei pigmenti in polvere libera, colorati e naturali, mescolarli ad una crema neutra biologica o applicarli direttamente sulla pelle. Ed ecco un trucco perfetto, amico della pelle, ma anche dell’ambiente.

Dolci etici e a km 0: In un periodo così festoso, non possono certo mancare dolci prelibati a far da contorno! Per le nostre ricette, però, cerchiamo di utilizzare ingredienti di stagione e possibilmente etici e a chilometro 0. Ad esempio, se dobbiamo acquistare delle uova, scegliamo quelle di galline da allevamento biologico certificato, che garantisce agli animali la possibilità di pascolare in spazi aperti e condizioni di vita più dignitose, oltre ad un prodotto più sano e più buono. Assolutamente da evitare quelle da allevamento in gabbia.

Ripuliamo: Un vecchio detto orientale recita “Pulisci davanti all’uscio di casa e tutta la città sarà pulita”. Niente di più vero! Se ognuno di noi, per quanto possibile, si impegnasse a raccogliere ciò che getta, o a pulire il marciapiede davanti il proprio ingresso di casa, o della propria attività commerciale, le nostre città sarebbero tutte più pulite. Se è vero che è pressoché impossibile raccogliere tutti i coriandoli lanciati, è anche vero che con le stelle filanti l’operazione è molto più semplice. inoltre, è importante educare i propri figli a non gettare nulla a terra, dunque, se finiamo i coriandoli, la busta vuota andrà gettata nell’apposito cestino.

Le ultime

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici,...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Cannabidiolo sostanza stupefacente? Le imprese della canapa impugnano il decreto

“Il Decreto del Ministro della Salute del 1 ottobre 2020, che ha stabilito che le “composizioni per somministrazione ad uso orale di cannabidiolo...

“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace e doppiato dall’attore Giobbe Covatta....

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.