Emissioni, al via un nuovo sito per valutare l’impatto delle nostre abitudini quotidiane
E

La striscia disallineata

Pubble, al via la nuova video-rubrica: “Il volto del mondo è il risultato dei complotti della storia”

Pubble l'imbannabile, seguitissima vignettista di satira che si occupa di politica e società utilizzando i social network per comunicare...

Benessere degli animali. Questa “certificazione volontaria”inganna il consumatore e danneggia l’allevatore onesto

Due Ministri, Speranza e Patuanelli: una promessa tradita. Il Coordinamento unitario delle Associazioni animaliste, compresa Legambiente, Confconsumatori e Ciwf...

Quanto incidono le nostre abitudini e il nostro stile di vita sulle emissioni di CO2? Quanto “costano” all’ambiente i nostri spostamenti, i pasti che consumiamo, l’uso degli elettrodomestici, l’acquisto di beni e servizi? In altri termini: quanto inquiniamo?

Oggi è possibile sapere in tempo reale l’impatto ambientale delle nostre attività interrogando il sito Neutralize.it. Si tratta del calcolatore individuale di CO2 realizzato da Treedom, start up fiorentina che ha ideato il modo di compensare le emissioni attraverso la piantumazione geolocalizzata di alberi ed ha messo a punto un sistema semplice e intuitivo per misurare esattamente la produzione annua di biossido di carbonio derivante dalle differenti abitudini delle persone. Attraverso un percorso online che illustra graficamente i vari ambienti di una casa, è possibile indicare, ad esempio, quanti televisori si possiedono, quali elettrodomestici si usano abitualmente e quali mezzi di trasporto si impiegano per gli spostamenti. Il calcolatore Neutralize.it, studiato per assegnare ad ogni attività il valore di CO2 emessa, stimerà quanta anidride carbonica produrremo in un anno e rivelerà anche il numero di alberi che potremmo piantare per compensare le nostre emissioni personali.

“Il sistema – spiega Tommaso Speroni che insieme a Federico Garcea ha fondato Treedom – ha l’obiettivo di sensibilizzare gli utenti alla tutela dell’ambiente e renderli consapevoli dell’effetto dei differenti stili di vita. Così, è evidente che chi evita sprechi energetici, riduce i rifiuti o utilizza la bicicletta per recarsi al lavoro tutti i giorni produrrà meno CO2 di chi invece si comporta diversamente. In più – aggiunge Speroni – in base al calcolo delle emissioni, il sistema indica anche quanti alberi servirebbe piantare per compensarle e quindi neutralizzarle in tutto o in parte”. Nautralize.it nasce infatti dall’evidenza che è proprio sulle emissioni di anidride carbonica che si giocano le sfide sul futuro del clima e del pianeta, come ribadito di recente dall’Intergovernamental Panel on Climate Change (IPCC). “Il cambiamento climatico e la tutela dell’ambiente – aggiunge Federico Garcea – sono sfide che riguardano tutti. Mettendo a punto il sistema Neutralize.it abbiamo immaginato di affrontare in modo semplice questioni molto serie. E’ un percorso innovativo che invita a riflettere sul fatto che qualsiasi attività ha un impatto sull’ecosistema, che siamo una causa dell’inquinamento e che ognuno può fare la propria parte per migliorare la situazione rivedendo le proprie abitudini”.

FLASH

Le ultime

La conservazione della natura è donna: eletta la nuova presidentessa IUCN

I  componenti dell'Assemblea dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN),  hanno eletto Razan Khalifa Al Mubarak nuova presidentessa...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.