Emissioni, al via un nuovo sito per valutare l’impatto delle nostre abitudini quotidiane
E

I più letti

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Quanto incidono le nostre abitudini e il nostro stile di vita sulle emissioni di CO2? Quanto “costano” all’ambiente i nostri spostamenti, i pasti che consumiamo, l’uso degli elettrodomestici, l’acquisto di beni e servizi? In altri termini: quanto inquiniamo?

Oggi è possibile sapere in tempo reale l’impatto ambientale delle nostre attività interrogando il sito Neutralize.it. Si tratta del calcolatore individuale di CO2 realizzato da Treedom, start up fiorentina che ha ideato il modo di compensare le emissioni attraverso la piantumazione geolocalizzata di alberi ed ha messo a punto un sistema semplice e intuitivo per misurare esattamente la produzione annua di biossido di carbonio derivante dalle differenti abitudini delle persone. Attraverso un percorso online che illustra graficamente i vari ambienti di una casa, è possibile indicare, ad esempio, quanti televisori si possiedono, quali elettrodomestici si usano abitualmente e quali mezzi di trasporto si impiegano per gli spostamenti. Il calcolatore Neutralize.it, studiato per assegnare ad ogni attività il valore di CO2 emessa, stimerà quanta anidride carbonica produrremo in un anno e rivelerà anche il numero di alberi che potremmo piantare per compensare le nostre emissioni personali.

“Il sistema – spiega Tommaso Speroni che insieme a Federico Garcea ha fondato Treedom – ha l’obiettivo di sensibilizzare gli utenti alla tutela dell’ambiente e renderli consapevoli dell’effetto dei differenti stili di vita. Così, è evidente che chi evita sprechi energetici, riduce i rifiuti o utilizza la bicicletta per recarsi al lavoro tutti i giorni produrrà meno CO2 di chi invece si comporta diversamente. In più – aggiunge Speroni – in base al calcolo delle emissioni, il sistema indica anche quanti alberi servirebbe piantare per compensarle e quindi neutralizzarle in tutto o in parte”. Nautralize.it nasce infatti dall’evidenza che è proprio sulle emissioni di anidride carbonica che si giocano le sfide sul futuro del clima e del pianeta, come ribadito di recente dall’Intergovernamental Panel on Climate Change (IPCC). “Il cambiamento climatico e la tutela dell’ambiente – aggiunge Federico Garcea – sono sfide che riguardano tutti. Mettendo a punto il sistema Neutralize.it abbiamo immaginato di affrontare in modo semplice questioni molto serie. E’ un percorso innovativo che invita a riflettere sul fatto che qualsiasi attività ha un impatto sull’ecosistema, che siamo una causa dell’inquinamento e che ognuno può fare la propria parte per migliorare la situazione rivedendo le proprie abitudini”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.