Valnerina, crowdfunding per acquistare 15 ettari a difesa della biodiversità
V

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Uno scenario da favola, dove giocano i lupi e nidificano le aquile reali, crescono le querce e fioriscono i maggiociondoli: questa è la Valnerina, nel cuore dell’Umbria, un’area boschiva tagliata al centro dal fiume Nera, che sfocia nelle celebri Cascate delle Marmore. E proprio in Valnerina il Fondo Forestale Italiano – Onlus nata per combattere i cambiamenti climatici e proteggere la biodiversità creando nuove foreste e conservando quelle esistenti –  intende acquistare un’area di 15 ettari, nella quale creare un’Oasi Naturale, dove gli alberi non verranno mai tagliati e avranno il tempo di crescere secondo le loro dinamiche naturali.

Per realizzare questo sogno c’è bisogno dell’aiuto di tutti: contribuendo alla campagna di crowdfunding attiva sulla storica piattaforma Produzioni dal Basso, si potrà aiutare il Fondo Forestale Italiano nella creazione dell’Oasi Naturale. Il crowdfunding, infatti, servirà a raccogliere la cifra necessaria per l’acquisto della foresta e i lavori successivi di riqualificazione dell’area. Il progetto prevede la piantagione di nuovi arbusti per aumentare la biodiversità e offrire riparo e nutrimento alla fauna selvatica. Una parte della riserva, attraversata da una strada in terra battuta facilmente percorribile, verrà invece trasformata in un percorso didattico con informazioni sulla fauna e la flora locali, in un’ottica di promozione dell’educazione ambientale. Infine, una piccola area di 2.000 metri quadri lungo il corso del fiume Nera sarà invece riforestata con le specie arboree adeguate al territorio.

Il progetto si inserisce nell’ambito della mission che porta avanti il Fondo Forestale Italiano: costituire sul suolo italiano un fondo inalienabile di terreni in corso di rinaturalizzazione o coperti da foreste e lasciati alla loro evoluzione naturale. E se è vero che negli ultimi anni in Italia c’è stato un aumento della superficie boschiva, è altrettanto vero che buona parte delle foreste italiane è  costituita da “boschi poveri”, poiché spesso degradati da tagli a scopo commerciale che ne hanno alterato la struttura le dinamiche naturali, oppure ancora troppo giovani. Le aree coperte da foreste vetuste sono sempre più ridotte e separate fra di loro da zone urbanizzate o sfruttate in altro modo, e non offrono un habitat sufficiente per le specie minacciate. Scopo del Fondo Forestale Italiano è invece quello di proteggere le foreste dai tagli, dagli incendi e da qualunque interferenza le possa danneggiare, nella consapevolezza del loro ruolo fondamentale per la salute del pianeta e di tutto gli animali che lo abitano, inclusi gli esseri umani.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.