25 febbraio, verso la Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale
2

Le rubriche

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

L’Associazione Genitori Tarantini sta organizzando un coordinamento di tutte le associazioni territoriali dei siti più inquinati d’Italia per chiedere insieme a SIMA – Società Italiana di Medicina Ambientale, l’istituzione della Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale nella data del 25 Febbraio. Proprio quel giorno infatti cadrà il trigesimo dalla morte del quindicenne Giorgio Di Ponzio, avvenuta dopo tre anni di calvario a causa di un tumore. Insieme alla sua, sono stimate in 84.300 le morti all’anno a causa dell’inquinamento atmosferico, in un Paese che conta 12.482 siti potenzialmente contaminati in attesa di bonifica con elevato rischio sanitario (elaborazione ISPRA su dati SNPA).

“L’Italia intera soffre di malattie ambiente-correlate ed i siti altamente inquinati sono a decine sul territorio nazionale”, dichiara Massimo Castellana, un portavoce dell’Associazione Genitori tarantini che continua: “vittime non sono solo i morti, i malati e chi deve rinunciare ad una buona qualità della vita ma sono anche genitori, fratelli, sorelle, figli che piangono chi non c’è più e assistono chi è rimasto coinvolto da una patologia cronica invalidante. Vittime sono intere popolazioni cui è negato il diritto alla salute, qui a Taranto come in moltissime altre aree esposte a livelli intollerabili di inquinamento”.

Alessandro Miani, Presidente SIMA – Società Italiana di Medicina Ambientale, spiega: “SIMA si adopererà a tutti i livelli Istituzionali per sostenere le Associazioni ed i Comitati coinvolti, affinché venga istituita la Giornata Nazionale Vittime dell’Inquinamento Ambientale. Il Diritto al Lavoro non può prevalicare il Diritto alla Salute. Entrambi possono e devono convivere, a Taranto come in tutte le altre realtà italiane in cui il rischio ambientale impatta negativamente sulla salute delle popolazioni residenti”.

LA FIACCOLATA – Proprio il prossimo 25 febbraio si terrà a Taranto una fiaccolata per ricordare tutte le piccole vittime dell’inquinamento industriale. L’ultimo evento luttuoso, la morte di Giorgio Di Ponzio, che ha ancora una volta profondamente scosso l’intera comunità tarantina, ha spinto altri genitori a raccontare, come già in un recente passato, le storie di dolore e di sogni infranti che hanno accompagnato i pochi anni di vita dei propri figli. Le foto da loro inviate sono state raccolte su manifesti di sei metri per tre, e saranno affissi in città dal 18 febbraio, per ricordare a tutti che quei piccoli angeli avevano, oltre a un nome, un volto, un futuro spezzato, negato. Da molte parti d’Italia, sono arrivati messaggi di solidarietà, come dalla terra dei fuochi ove  verrà organizzata, per lo stesso giorno e alla medesima ora, una fiaccolata analoga a cura dell’Associazione noi Genitori di tutti (Mamme della terra dei fuochi). A Taranto, i partecipanti si ritroveranno il 25 Febbraio alle ore 18 nel piazzale antistante l’Arsenale della Marina militare per poi percorrere le due vie principali del borgo ed arrivare sul Lungomare, all’altezza della Statua ai Marinai, per un ultimo momento di raccoglimento. Per volere dei genitori delle piccole vittime, non è desiderata la presenza di rappresentanti di partiti e movimenti politici  e di sindacati colpevoli di aver preferito la produzione alla salute umana e dell’ambiente. Dalle pagine Facebook dell’Associazione “Genitori tarantini” e dell’evento “Fiaccolata per i nostri angeli” rimbalzano, dal mondo dello spettacolo e della cultura, numerosi i messaggi di vicinanza e di invito ai cittadini alla partecipazione.

FLASH

Le ultime

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.