India, ordinato lo sfratto per 8 milioni di indigeni in nome della conservazione
I

I più letti

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

La Corte Suprema Indiana ha ordinato lo sfratto di quasi 8 milioni di persone, tra indigeni e altri abitanti della foresta. I ricercatori lo definiscono un “disastro senza precedenti” e “il più grande sfratto di massa mai verificatosi in nome della conservazione”. L’ordine giunge in risposta alla richiesta, avanzata da gruppi indiani per la conservazione, di dichiarare invalido il Forest Rights Act, che riconosce agli abitanti della foresta diritti sulle loro terre ancestrali, anche all’interno delle aree protette. I gruppi hanno anche chiesto di espellere gli indigeni che avevano cercato senza successo di farsi garantire i loro diritti sulla base del Forest Rights Act.

Tra i gruppi in questione ci sarebbero Wildlife First, Wildlife Trust of India, la Nature
Conservation Society, la Tiger Research and Conservation Trust e la Bombay Natural History Society. Inoltre, sorprendentemente, il governo nazionale non si è presentato in tribunale per
difendere i diritti dei popoli indigeni. La Corte ha quindi deliberato a favore degli sfratti.
Sfratti che, secondo l’ordine, dovranno essere completati entro il 27 luglio.
La sentenza colpisce oltre 1,1 milioni di famiglie. Secondo gli esperti, comporterà l’espulsione  di oltre 8 milioni di persone – un dato che potrebbe aumentare poiché alcuni stati non hanno fornito dettagli circa il numero delle persone che saranno interessate.

“Questa – ha dichiarato oggi il Direttore generale di Survival International, Stephen Corry – è una sentenza di morte per milioni di indigeni in India. Un furto di terra dalle proporzioni epiche e una monumentale ingiustizia. Causerà – continua Corry – miseria di massa, impoverimento, malattie e morte, una crisi umanitaria urgente e, di certo, non servirà a salvare le foreste che i popoli indigeni proteggono da generazioni. Il WWF, la WCS e le altre grandi organizzazioni conservazioniste condanneranno quest’ordine e s’impegneranno a contrastarlo, o saranno complici della più grande espulsione di massa mai realizzata nel nome della conservazione?”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.