Dal fotovoltaico all’eolico, dati in aumento per tutte le energie rinnovabili
D

I più letti

Pipistrelli a rischio estinzione? In Emilia Occidentale batbox sui piloni stradali

Gli automobilisti che percorrono i 9 ponti stradali sui corsi d’acqua dello Stirone, del Taro e...

Artico: secondo dato più basso di sempre del livello del ghiaccio marino

Il National Snow and Ice Data Centre ha comunicato poche ore fa il dato relativo al 2020...

Greenpeace: “Dall’allevamento intensivo il 17% delle emissioni europee”

Le emissioni di gas serra degli allevamenti intensivi rappresentano il 17 per cento delle emissioni totali...

Sono aumentate in Italia nel 2018 le nuove installazioni di fotovoltaico, eolico, idroelettrico e bioenergie, raggiungendo in totale circa 864 Mw (+28% sul 2017). Le dinamiche per le singole fonti sono state simili, con contributi positivi in termini di potenza per bioenergie (+66%), idroelettrico (+47%), eolico (+42%) e fotovoltaico (+7%). Lo rende noto Anie rinnovabili, la Federazione nazionale imprese elettrotecniche ed elettroniche, elaborando i dati Gaudì di Terna.

Nel Fotovoltaico, confermato il trend delle installazioni, che con i 34 Mw di dicembre raggiunge quota 437 Mw complessivi nel 2018 (+7% rispetto al 2017). In aumento anche il numero di unità di produzione connesse (+9%), frutto delle politiche di autoconsumo e di defiscalizzazione, vale a dire la detrazione fiscale per il cittadino e il super ammortamento per le imprese.

Exploit per l’Eolico, che nel solo mese di dicembre supera i 213 Mw e raggiunge complessivamente 511 Mw installati nel 2018 (+42% rispetto al 2017). Notevole decremento, invece, (-95%) delle unità di produzione, dovuto al fatto che il 31 dicembre 2017 si è chiusa la finestra per l’accesso diretto degli impianti di taglia fino a 60 kw.

Positivo l’anno per l’idroelettrico, che grazie ai 3,4 Mw di dicembre raggiunge 140 Mw complessivi (+47% rispetto al 2017).

Si registra invece un decremento per le unità di produzione (-78%), anche in questo caso dovuto al fatto che lo scorso 31 dicembre 2017 si è chiusa la finestra per l’accesso diretto degli impianti. Nel 2018 sono stati connessi 44 impianti a bioenergie, per una potenza complessiva di 74 Mw (+66% sul 2017), mentre le unità di produzione sono aumentate dell’80%.

Le ultime

Greenpeace: “Dall’allevamento intensivo il 17% delle emissioni europee”

Le emissioni di gas serra degli allevamenti intensivi rappresentano il 17 per cento delle emissioni totali...

“Puliamo il Mondo”, al via il 28esimo anno: sos dai parchi urbani invasi dai mozziconi di sigaretta

Nei parchi urbani è Sos rifiuti: ecco i dati dell’indagine Park litter 2020: 27.854 i rifiuti raccolti e catalogati nei 73 parchi monitorati dai...

Piemonte, è arrivato lo sciacallo dorato

Quello registrato lo scorso 29 luglio, nel Parco del Po, potrebbe essere l'avvistamento più occidentale d'Italia. Lo sciacallo dorato, un canide di piccola taglia, è un...

Primitivo di Manduria, vendemmia terminata: “-40% sul raccolto ma è una delle migliori”

L'analisi del fine raccolto per il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria: anticipata e di ottima qualità, la resa è di circa il...

Pipistrelli a rischio estinzione? In Emilia Occidentale batbox sui piloni stradali

Gli automobilisti che percorrono i 9 ponti stradali sui corsi d’acqua dello Stirone, del Taro e del Trebbia, sanno da oggi...

Artico: secondo dato più basso di sempre del livello del ghiaccio marino

Il National Snow and Ice Data Centre ha comunicato poche ore fa il dato relativo al 2020 dell'estensione minima del ghiaccio marino...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.