Biocarburanti innovativi, 5 milioni di euro ad Enea per rafforzare ricerca nel settore
B

I più letti

Piemonte, è arrivato lo sciacallo dorato

Quello registrato lo scorso 29 luglio, nel Parco del Po, potrebbe essere l'avvistamento più occidentale d'Italia. Lo sciacallo dorato, un...

Primitivo di Manduria, vendemmia terminata: “-40% sul raccolto ma è una delle migliori”

L'analisi del fine raccolto per il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria: anticipata e di ottima qualità, la...

Pipistrelli a rischio estinzione? In Emilia Occidentale batbox sui piloni stradali

Gli automobilisti che percorrono i 9 ponti stradali sui corsi d’acqua dello Stirone, del Taro e...

Rafforzare le attività di ricerca e sviluppo di biocarburanti e di biolubrificanti innovativi, di biometano e syngas per applicazioni energetiche di frontiera. È questo l’obiettivo del progetto del valore di circa 10 milioni di euro, cofinanziato da ENEA e Regione Basilicata per potenziare ed ampliare la Piattaforma Integrata per la Bioraffineria e la Chimica Verde (PIBE) attiva presso il Centro ricerche ENEA di Trisaia (MT). L’ENEA ha infatti vinto un bando che prevede un contributo dalla Regione Basilicata di 5 milioni di euro nell’ambito del FESR BASILICATA 2014-2020 “Sostegno alle infrastrutture della ricerca considerate critiche/cruciali per i sistemi regionali”.

“L’ampliamento di questa piattaforma – sottolinea Giacobbe Braccio, responsabile della Divisione Bioenergia, Bioraffineria e Chimica Verde dell’ENEA – già inserita nell’elenco delle infrastrutture strategiche identificate dal Programma Nazionale per la Ricerca (PRIN), consentirà di rafforzare le attività di ricerca applicata in settori di particolare rilievo, sui quali grandi player internazionali stanno effettuando importanti investimenti industriali. La ricerca per produrre energia rinnovabile e bio-prodotti dalle biomasse, inoltre, contribuisce alla transizione verso un’economia decarbonizzata e basata sull’utilizzo sostenibile delle risorse rinnovabili”.

La piattaforma di sperimentazione consentirà alle imprese di settore operanti in regione, di disporre di una facility sperimentale unica in Europa, adatta allo sviluppo di processi e prodotti innovativi da portare rapidamente nei mercati internazionali. A livello operativo saranno sviluppate, in particolare, nuove facility sperimentali per la validazione di processi per la produzione di biolubrificanti, utilizzando materie prime rinnovabili e tecnologie sostenibili e per l’ottimizzazione dei processi di produzione di zuccheri di seconda generazione, a partire da materiali lignocellulosici. Verranno inoltre realizzati nuovi laboratori e infrastrutture per la produzione di biocarburanti avanzati e di biolubrificanti tra cui i prodotti derivanti dal trattamento di oli vegetali, inclusi quelli usati da raccolta differenziata. Saranno inoltre validati processi per la produzione di gas con elevato contenuto energetico e basso tenore di contaminanti – ottenuti sia per via biochimica (biometano) che termochimica (syngas) – per applicazioni energetiche avanzate in cicli ad alto rendimento. Il rafforzamento della piattaforma PIBE rappresenta un’opportunità di ulteriore sviluppo per il Centro Ricerche ENEA di Trisaia e per l’intero territorio regionale e nazionale, anche in riferimento alle ricadute in termini di benefici ambientali e di crescita economica ed occupazionale. Verranno inoltre favoriti i processi di clusterizzazione e di caratterizzazione della filiera bioenergia-chimica verde, rafforzando la qualità e la produttività della ricerca, nonché la qualificazione professionale del personale coinvolto. La Piattaforma, inoltre, in quanto nodo aperto al sistema industriale, concepito per mettere a sistema le migliori energie della comunità scientifica e del sistema produttivo, contribuirà a promuovere il trasferimento dei risultati della ricerca e dell’innovazione su bioenergia e chimica verde in prodotti e servizi a rapida immissione nel mercato.

 

Le ultime

Greenpeace: “Dall’allevamento intensivo il 17% delle emissioni europee”

Le emissioni di gas serra degli allevamenti intensivi rappresentano il 17 per cento delle emissioni totali...

“Puliamo il Mondo”, al via il 28esimo anno: sos dai parchi urbani invasi dai mozziconi di sigaretta

Nei parchi urbani è Sos rifiuti: ecco i dati dell’indagine Park litter 2020: 27.854 i rifiuti raccolti e catalogati nei 73 parchi monitorati dai...

Piemonte, è arrivato lo sciacallo dorato

Quello registrato lo scorso 29 luglio, nel Parco del Po, potrebbe essere l'avvistamento più occidentale d'Italia. Lo sciacallo dorato, un canide di piccola taglia, è un...

Primitivo di Manduria, vendemmia terminata: “-40% sul raccolto ma è una delle migliori”

L'analisi del fine raccolto per il Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria: anticipata e di ottima qualità, la resa è di circa il...

Pipistrelli a rischio estinzione? In Emilia Occidentale batbox sui piloni stradali

Gli automobilisti che percorrono i 9 ponti stradali sui corsi d’acqua dello Stirone, del Taro e del Trebbia, sanno da oggi...

Artico: secondo dato più basso di sempre del livello del ghiaccio marino

Il National Snow and Ice Data Centre ha comunicato poche ore fa il dato relativo al 2020 dell'estensione minima del ghiaccio marino...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.