Il coccodrillo Lacoste lascia il posto a 10 specie a rischio estinzione
I

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Grano canadese avariato in porto: Ravenna nega lo scarico alla nave Sumatra

Per la consolazione degli agricoltori, in questa ultima settimana si sono registrati forti rialzi nel listino prezzi del grano...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

Il coccodrillo più famoso del mondo lascia il lato sinistro della famosa polo francese e fà spazio ad altre 10 specie di fauna selvatica, tristemente accomunate dal declino spaventoso che stanno vivendo le proprie popolazioni in natura.
E’ per questo che nel Febbraio 2019 Lacoste ha inaugurato la linea “Save Our Species”, che segna l’inizio della partnership con l’International Union for Conservation of Nature (IUCN), cui sono destinati i ricavi dell’iniziativa.
Ciascuno dei 10 disegni è stato prodotto in numero limitato, corrispondente al numero di animali che sopravvivono – per ciascuna specie – in natura. Ad esempio, le polo con la Tigre di Sumatra sono solo 350, il numero di animali presenti in natura oggi minacciati dal bracconaggio e dalla deforestazione. Il lotto più piccolo, di soli 30 pezzi, è rappresentato dalla focena della California, che a causa della pesca eccessiva è ormai prossima all’estinzione.
Altre specie sono la tartaruga birmana, il maki nordico (una piccola donnola), il rinoceronte di Giava, il gibbone nero crestato orientale, il kakapo, il condor della California, la saola e l’iguana di Anegada. Ogni polo di Save Our Species è stata venduta a 185 dollari e le 1775 unità totali sono già state esaurite, con i profitti delle vendite devoluti alla IUCN, ma sono ancora aperte le donazioni per “Save Our Species” sul sito dell’organizzazione.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.