Il coccodrillo Lacoste lascia il posto a 10 specie a rischio estinzione

I più letti

Fase 2, Arcuri: “Partita non è vinta, rispettare le misure”

(Adnkronos) La partita delle mascherine è definitivamente risolta. Anche nelle farmacie le mascherine a 50 centesimi ora si trovano...

L’impatto del Covid sui siti Unesco: prosegue #shareourheritage

Mentre le Dolomiti e i loro abitanti affrontano la graduale uscita dall’emergenza COVID-19, uno sguardo agli altri Patrimoni Mondiali...

“Non sommergere il Pianeta di nuovi rifiuti”: l’appello di fondazione Univerde

“Non sommergere il Pianeta di nuovi rifiuti”: l'appello di Pecoraro Scanio al convegno in streaming su “Sicurezza...

Il coccodrillo più famoso del mondo lascia il lato sinistro della famosa polo francese e fà spazio ad altre 10 specie di fauna selvatica, tristemente accomunate dal declino spaventoso che stanno vivendo le proprie popolazioni in natura.
E’ per questo che nel Febbraio 2019 Lacoste ha inaugurato la linea “Save Our Species”, che segna l’inizio della partnership con l’International Union for Conservation of Nature (IUCN), cui sono destinati i ricavi dell’iniziativa.
Ciascuno dei 10 disegni è stato prodotto in numero limitato, corrispondente al numero di animali che sopravvivono – per ciascuna specie – in natura. Ad esempio, le polo con la Tigre di Sumatra sono solo 350, il numero di animali presenti in natura oggi minacciati dal bracconaggio e dalla deforestazione. Il lotto più piccolo, di soli 30 pezzi, è rappresentato dalla focena della California, che a causa della pesca eccessiva è ormai prossima all’estinzione.
Altre specie sono la tartaruga birmana, il maki nordico (una piccola donnola), il rinoceronte di Giava, il gibbone nero crestato orientale, il kakapo, il condor della California, la saola e l’iguana di Anegada. Ogni polo di Save Our Species è stata venduta a 185 dollari e le 1775 unità totali sono già state esaurite, con i profitti delle vendite devoluti alla IUCN, ma sono ancora aperte le donazioni per “Save Our Species” sul sito dell’organizzazione.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

L’impatto del Covid sui siti Unesco: prosegue #shareourheritage

Mentre le Dolomiti e i loro abitanti affrontano la graduale uscita dall’emergenza COVID-19, uno sguardo agli altri Patrimoni Mondiali...

Sott’acqua al tempo del Coronavirus: idrofoni in 30 siti per ascoltare il mare

Dopo 100 ore di immersioni e oltre 300 di registrazioni sonore per documentare lo stato dei mari durante il lockdown si tirano le somme...

San Vito Lo Capo, portata in superficie ancora ellenistico-romana con rilievo di delfino

L'operazione è stata svolta dalla Soprintendenza del Mare in collaborazione con la Guardia di Finanza e BCsicilia a 20 metri di profondità Trapani - Nei...

Lago di Garda, uova di cigno distrutte a sassate: “Visionare le telecamere di zona”

Enpa denuncia, chiede che vengano visionate le telecamere e scrive al SindacoRoma – Ha distrutto a sassate le uova di cigno deposte sulla riva...

Squalo Mako ucciso nel Golfo di Catania, Oipa valuta di procedere in sede giudiziaria

Il presidente dell’Oipa Comparotto: «Urgente ripensare le politiche della pesca» L’Oipa Italia sta valutando di procedere in sede...

Riapertura tra Regioni, sui Sibillini pronti i nuovi rifugi escursionistici provvisori

Gli interventi di ripristino dei rifugi escursionistici provvisori del Grande Anello assumono una rilevanza fondamentale per il rilancio del territorio dei Sibillini

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.