Dissesto, al via il piano ‘Proteggi Italia’: “Stanziati 11 miliardi di euro”
D

I più letti

Il vino, il made in Italy e la nuova agricoltura: intervista al Sottosegretario Gianmarco Centinaio

Il registro nazionale dei paesaggi rurali storici conta attualmente 25 tra i più significativi luoghi d’Italia dove nei secoli...

Lanciato il piano ‘Proteggi Italia’, “il più grande piano contro il dissesto del territorio mai realizzato” per il quale, nel triennio 2019-2021, sono già stati stanziati circa 11 miliardi di euro.

“I suoi pilastri – ha spiegato il Presidente Giuseppe Conte – sono emergenza, prevenzione, rafforzamento della governance. L’Italia è un Paese fragile, serve una terapia del territorio per proteggerlo e metterlo in sicurezza. Norme confuse – ha sottolineato Conte – hanno ritardato gli interventi sul territorio. Ora dobbiamo semplificare e spendere meglio. È un piano integrato che coinvolge vari ministeri e vari dipartimenti. Nel segno della concretezza, abbiamo stanziato quasi 11 miliardi nel triennio 2019-2021. Soldi certi, realmente stanziati.

Solo nel 2019 – ha aggiunto il premier – mettiamo a disposizione 3 miliardi di opere concretamente e immediatamente cantierabili contro il dissesto idrogeologico. Entro fine aprile, da parte delle competenti amministrazioni saranno sottoposti alla cabina Strategia Italia e al Cipe i progetti urgenti e immediatamente cantierabili. I piani – ha concluso Conte – saranno il risultato della collaborazione e delle proposte degli enti locali interessati”.

Le ultime

Il vino, il made in Italy e la nuova agricoltura: intervista al Sottosegretario Gianmarco Centinaio

Il registro nazionale dei paesaggi rurali storici conta attualmente 25 tra i più significativi luoghi d’Italia dove nei secoli...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.