Avvelenati tre lupi nei boschi tra Liguria e Piemonte

I più letti

L’impatto del Covid sui siti Unesco: prosegue #shareourheritage

Mentre le Dolomiti e i loro abitanti affrontano la graduale uscita dall’emergenza COVID-19, uno sguardo agli altri Patrimoni Mondiali...

Unione africana, oggi il 57esimo anniversario: “Italia in prima linea contro la desertificazione”

Roma - «Il primo incontro istituzionale che volli al Ministero, appena insediato, fu con Ibrahim Thiaw, il segretario esecutivo...

Fase 2, 60mila assistenti civici per vigilare

(Adnkronos) "In settimana dalla Protezione civile lanceremo il bando per il reclutamento di 60.000 ‘assistenti civici’. Il bando è...

Solo nella giornata di ieri ben tre lupi sono stati uccisi dai bocconi avvelenati al confine tra Liguria e Piemonte. “Una mano vigliacca – denuncia Lav – ha disseminato esche al veleno con il chiaro intento di uccidere i predatori, risparmiandone le prede, normalmente molto ambite dai cacciatori.

Lo spargimento di bocconi avvelenati – prosegue – è una pratica che all’interno del mondo venatorio era del tutto legale fino al 1977. Sono passati oramai quarant’anni, ma vista l’elevata età media dei cacciatori, non c’è dubbio che molti di coloro che usavano i bocconi avvelenati sono tutt’ora in attività. Il lupo svolge una fondamentale funzione di “regolatore” naturale delle presenze faunistiche – aggiunge – soprattutto degli ungulati spesso accusati di produrre danni all’agricoltura. Una funzione che smaschera la favola del “cacciatore ecologista” di colui cioè, che fa un lavoro sporco ma necessario a mantenere gli equilibri naturali. È evidente però che l’unico interesse del cacciatore è continuare a uccidere e quindi ogni animale predato dai lupi diventa per lui un animale in meno a cui sparare. La legge nazionale sulla prevenzione degli incendi boschivi, istituisce automaticamente il divieto di caccia per dieci anni nelle aree percorse dal fuoco. In piena analogia – conclude Lav – chiediamo che anche le zone interessate dallo spargimento di bocconi avvelenati siano precluse all’attività venatoria per un periodo di dieci anni”.

 


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

L’impatto del Covid sui siti Unesco: prosegue #shareourheritage

Mentre le Dolomiti e i loro abitanti affrontano la graduale uscita dall’emergenza COVID-19, uno sguardo agli altri Patrimoni Mondiali...

Sott’acqua al tempo del Coronavirus: idrofoni in 30 siti per ascoltare il mare

Dopo 100 ore di immersioni e oltre 300 di registrazioni sonore per documentare lo stato dei mari durante il lockdown si tirano le somme...

San Vito Lo Capo, portata in superficie ancora ellenistico-romana con rilievo di delfino

L'operazione è stata svolta dalla Soprintendenza del Mare in collaborazione con la Guardia di Finanza e BCsicilia a 20 metri di profonditàTrapani - Nei...

Lago di Garda, uova di cigno distrutte a sassate: “Visionare le telecamere di zona”

Enpa denuncia, chiede che vengano visionate le telecamere e scrive al SindacoRoma – Ha distrutto a sassate le uova di cigno deposte sulla riva...

Squalo Mako ucciso nel Golfo di Catania, Oipa valuta di procedere in sede giudiziaria

Il presidente dell’Oipa Comparotto: «Urgente ripensare le politiche della pesca» L’Oipa Italia sta valutando di procedere in sede...

Riapertura tra Regioni, sui Sibillini pronti i nuovi rifugi escursionistici provvisori

Gli interventi di ripristino dei rifugi escursionistici provvisori del Grande Anello assumono una rilevanza fondamentale per il rilancio del territorio dei Sibillini

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.