8 marzo, Costa ricorda le donne per l’ambiente
8

La striscia

Green pass, tutti in casa! Draghi nemico dei suoi datori di lavoro

Dal nostro direttore Arrigo D'Armiento Roma, 23 luglio 2021 - Insomma, Draghi ci vuol chiudere in casa senza nominare il...

Consumo di suolo e fotovoltaico, i conti non tornano

Per l’eccessivo consumo del suolo nel 2030 l’Italia dovrà affrontare un costo di 100 miliardi, quasi la metà del...

Assalto alla biodiversità ed al verde del Centro Italia

Intere zone paesaggistiche, agricole e forestali minacciate da richieste ed investimenti anche spregiudicati. Aggravante pericolo terremoto. Roma - Civita di...

I più letti

Luna-parchi, tragedia ecologica

Ospitiamo il commento di Guido Ceccolini, direttore del CERM Centro Rapaci Minacciati di Grosseto, in merito all'imminente inaugurazione del...

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Sardegna, incendiati oltre 20mila ettari: “Quota del Pnrr sia destinata alla riforestazione”

Ancora incendi in Sardegna. L'Oristanese brucia da due giorni, la macchina dell'antincendio è impegnata con tutti gli uomini e...

In occasione della Festa della Donna, il Ministro Sergio Costa ricorda tutte le donne che hanno combattuto per il rispetto dell’ambiente e non solo. “Oggi è una giornata importante – scrive il ministro in una nota – una giornata in cui ricordiamo tutte le donne che hanno combattuto e combattono per i propri diritti, per un futuro migliore e che spesso, anche, sono vittime. Io come Ministro dell’Ambiente non posso non accendere un faro su quelle donne che nella storia italiana e mondiale hanno affrontato, con la loro tenacia, passione, generosità battaglie ambientali. Penso a Wangari Muta Maathai la donna keniota premio Nobel per la pace, simbolo dello sviluppo sostenibile.

Penso a Luisa Minazzi – aggiunge Costa – donna di grandissima forza, che si è battuta non solo contro la sua malattia ma ha fatto di essa uno stendardo alla lotta all’amianto. Come Romana Blasotti Pavesi, un esempio per tutti noi. E penso a tutte le donne che si battono ogni giorno, nel loro quotidiano, con tenacia, contro le ingiustizie ambientali e per la salute, come le “mamme Pfas”, le mamme del rione Tamburi, della Terra dei Fuochi, le mamme vesuviane… giustamente preoccupate per la propria salute e quella dei loro figli, e quindi per il futuro del Pianeta.

Per questa giornata abbiamo installato, simbolicamente, all’ingresso del ministero dell’Ambiente, una panchina rossa: il simbolo di tutte le donne che hanno perso la vita e hanno lasciato un posto vuoto, incolmabile. Viviamo e combattiamo ogni giorno – conclude il ministro – per costruire un futuro non violento e all’insegna delle pari opportunità e pari diritti”.

FLASH

Le ultime

“Servono ai depuratori e ai serbatoi delle navi”: continua lo spiaggiamento inspiegato di migliaia di dischetti di plastica

All’Isola d’Elba, soprattutto quando soffiano venti dal quadrante nord, continuano a spiaggiarsi a centinaia i dischetti di plastica segnalati...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.