Adriatico, meno emissioni dal trasporto marittimo: al via il progetto GUTTA
A

I più letti

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato...

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Innovazione, ricerca scientifica, istituzioni pubbliche e imprese, insieme per ridurre le emissioni di CO2 del trasporto marittimo e tracciare nuove rotte tra l’Italia e la Croazia. Il progetto GUTTA (savinG fUel and emissions from mariTime Transport in the Adriatic region), finanziato dal Programma di Cooperazione Interreg Italia – Croazia, parte ufficialmente con una conferenza aperta al pubblico. Coordinato dalla Fondazione CMCC, Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, GUTTA vede tra i suoi partner l’associazione croata “Mare Nostrum – Croatian Shipowners’ Association”, l’Università di Zadar (Croazia), il Ministero del Mare, dei Trasporti e delle Infrastrutture croato e l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale.

Migliorare e rafforzare il trasporto marittimo è una delle soluzioni disponibili per la comunità internazionale per ridurre le emissioni di CO2 del settore della mobilità. Di recente inoltre, un Regolamento dell’Unione europea obbliga le grandi navi a un dettagliato monitoraggio, alla comunicazione e alla verifica delle proprie emissioni di CO2 (Regolamento europeo 757/15 MRV – Monitoring, Reporting, Verification delle emissioni di CO2). Il progetto GUTTA utilizzerà i dati di bordo sulle prestazioni delle imbarcazioni e le previsioni meteo-marine per la realizzazione di uno strumento ad hoc in grado di ottimizzare le emissioni delle imbarcazioni. Le attività del progetto hanno avuto inizio a Lecce, dove dal 6 all’8 marzo si è svolto il kickoff meeting del progetto. L’evento è stato preceduto dalla conferenza dal titolo “Towards a sustainable Adriatic transportation” dove, con il contributo di esperti internazionali di enti pubblici e privati, si è fatto il punto sulle intersezioni fra ricerca, innovazione e società per una crescita sostenibile dell’economia e dell’ambiente marino dell’Adriatico.

“Il progetto GUTTA – ha affermato Gianandrea Mannarini, coordinatore di GUTTA – ha le potenzialità di contribuire alla decarbonizzazione del trasporto marittimo tra Italia e Croazia. La sua partnership è la perfetta espressione del cosiddetto modello della tripla elica, dal momento che il consorzio riunisce attori del mondo accademico, delle imprese e delle istituzioni pubbliche. GUTTA si impegnerà nel comunicare i propri risultati al pubblico generico, con un’attenzione particolare ai giovani cittadini dell’Unione europea di Italia e Croazia, ai professionisti del settore marittimo e alla comunità scientifica di università ed enti di ricerca.” “Siamo molto interessati ai risultati che verranno fuori dal progetto GUTTA per almeno due motivi. Con il proseguire delle attività del progetto – ha detto Miguel Madeira in qualità di membro dell’Advisory Board del progetto per conto dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA) – vogliamo invitare tutti gli armatori a comunicare le emissioni di CO2 delle proprie navi a livello europeo. In secondo luogo, sarebbe molto interessante vedere come i risultati del progetto potrebbero essere applicati e utilizzati anche nel contesto di altre regioni marittime europee”.

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.