Delta del Po, liberata la gru cenerina ferita dai bracconieri
D

I più letti

Covid, l’emergenza costa alle stalle italiane 1,7 miliardi: Coldiretti scrive a Conte

L’emergenza Covid è costata sino ad oggi alle stalle italiane 1,7 miliardi di euro tra il blocco delle vendite,...

Recovery Fund, Lipu: “Fondi alla biodiversità annunciati ma inesistenti”

La nota della Lipu: “Nonostante l’obbligo sancito dal regolamento europeo sul Recovery and Resilience Fund, la bozza di piano...

WIMA2021, la montagna come hub di innovazione: proclamati i vincitori della seconda edizione

Una scarpa riciclabile, che si trasforma in scarpone da sci, una startup che aiuta a ridurre la propria impronta...

Liberata nei giorni scorsi una gru cenerina (Grus grus L.), prima recuperata, curata e munita infine di GPS. All’evento ha partecipato il Centro di Recupero Animali selvatici (CRAS) WWF di Valpredina, nelle prealpi bergamasche, specializzato nelle cure rivolte alla fauna selvatica ferita o in difficoltà. La liberazione è avvenuta in un’area speciale del Parco Regionale del Delta del Po in Provincia di Ferrara, l’Oasi delle Anse Vallive di Porto (Bacino di Bando), affidata alla gestione della Coop. Atlantide di Cervia. “Siamo molto contenti – dicono gli operatori del CRAS – per il volo e anche perché stiamo ricevendo i primi dati dal GPS che funziona perfettamente”.

La femmina di Gru cenerina, alta 120 cm e con un’apertura alare di oltre 2 metri, specie particolarmente protetta compresa in Allegato I della Direttiva Europea sugli Uccelli, è stata dotata di un dispositivo GPS a ricarica solare che consentirà di seguirne la migrazione verso il nord Europa, fornendo dati scientifici sui suoi spostamenti e sul suo successo di recupero dopo ben due interventi chirurgici e oltre due mesi di degenza. La protagonista era stata vittima di un grave atto di bracconaggio avvenuto in Provincia di Brescia, nei giorni di Natale 2018, presentando ferite d’arma da fuoco e la frattura dell’ala sinistra. L’animale è stato salvato grazie all’immediata segnalazione di cittadini che allertavano la Polizia provinciale di Brescia e alle Guardie Volontarie WWF che la trasportavano al CRAS WWF di Valpredina, per le cure necessarie.

Questa liberazione vuole essere un segnale positivo e una speranza per tutti, come la mobilitazione planetaria di questi giorni per il clima: “…una mano dell’uomo aveva ferito la Gru – ma è stata ancora una mano dell’uomo che l’ha guarita e l’ha restituita alla sua libertà” ha detto Matteo Mauri, Responsabile del CRAS di Valpredina.

Le ultime

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.