Clima, M5S: “Colosso del petrolio finanziava fake news per omettere la verità”
C

I più letti

Cinghiali abbattuti a Roma, Franco Perco: “Gli animali selvatici siano il campo di specialisti, non di pie dame”

Roma Nord, parco giochi di un quartiere contiguo al centro. Giovedì scorso una femmina di cinghiale...

Covid, Coldiretti: “Solo lo 0,2% dei contagi in campagna, +29% sulle ricerche di abitazioni”

Appena lo 0,2% delle 54.128 dei casi di infortunio da Covid-19 registrate dall’Inail in Italia riguarda l’agricoltura,...

In libreria un manuale per supereroi salvambiente

E' uscito nelle libere all'inizio di settembre “IO CI TENGO! Manuale per supereroi salvambiente”. La pubblicazione, che...

A tutela dei propri interessi, una multinazionale del petrolio americana avrebbe diffuso per anni fake news al fine di omettere la realtà sui cambiamenti climatici. È quanto afferma l’europarlamentare del M5S Eleonora Evi dopo le testimonianze apprese oggi in un’audizione a Bruxelles.

“Oggi al Parlamento europeo si è tenuta una audizione speciale sulla negazione dei cambiamenti climatici. Siamo molto soddisfatti perché abbiamo inchiodato alle proprie responsabilità la più grande compagnia petrolifera quotata al mondo, Exxon Mobil, per aver finanziato campagne di disinformazione volte a negare l’esistenza del cambiamento climatico e screditare la ricerca scientifica sul tema”, dichiara Eleonora Evi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, promotrice dell’evento che ha permesso di mettere, per la prima volta, il colosso petrolifero americano di fronte ad un pubblico scrutinio.

“Grazie alle testimonianze ascoltate oggi scopriamo che il gigante del petrolio sapeva, da almeno più di 40 anni, che le emissioni di combustibili fossili sono causa del cambiamento climatico. Invece di informare le autorità pubbliche e contribuire a trovare una soluzione, questa multinazionale ha finanziato la diffusione di fake news sui cambiamenti climatici e assoldato un esercito di oltre 200 lobbisti, spedendo milioni di euro per aver un accesso diretto alle istituzioni UE e prevenire l’adozione di adeguati target climatici a livello europeo”, spiega Evi. “È arrivato il momento di dire basta. Chiediamo che si applichi l’articolo 116a del regolamento interno e ai lobbisti di Exxon Mobil venga revocato l’accesso al Parlamento Europeo: un marchio d’infamia che serva da esempio per altre multinazionali che intendono imitare il colosso americano”, conclude Evi.

Le ultime

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici,...

Clima, primo accordo tra i Ministri Ue: zero emissioni entro il 2050

Il Consiglio dei ministri dell'ambiente dell'Ue ha raggiunto venerdì un accordo parziale sulla legge per il clima, con cui l'Ue fissa...

Munizioni al piombo nelle zone umide, LIPU chiede agli europarlamentari di chiudere la partita

Lettera dell’associazione agli europarlamentari: il piombo mette a rischio milioni di uccelli selvatici e l’ambiente “Sostenere la storica...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo sensore che permetterà di effettuare...

Cannabidiolo sostanza stupefacente? Le imprese della canapa impugnano il decreto

“Il Decreto del Ministro della Salute del 1 ottobre 2020, che ha stabilito che le “composizioni per somministrazione ad uso orale di cannabidiolo...

“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace e doppiato dall’attore Giobbe Covatta....

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.