Clima, M5S: “Colosso del petrolio finanziava fake news per omettere la verità”

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

I più letti

A tutela dei propri interessi, una multinazionale del petrolio americana avrebbe diffuso per anni fake news al fine di omettere la realtà sui cambiamenti climatici. È quanto afferma l’europarlamentare del M5S Eleonora Evi dopo le testimonianze apprese oggi in un’audizione a Bruxelles.

“Oggi al Parlamento europeo si è tenuta una audizione speciale sulla negazione dei cambiamenti climatici. Siamo molto soddisfatti perché abbiamo inchiodato alle proprie responsabilità la più grande compagnia petrolifera quotata al mondo, Exxon Mobil, per aver finanziato campagne di disinformazione volte a negare l’esistenza del cambiamento climatico e screditare la ricerca scientifica sul tema”, dichiara Eleonora Evi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, promotrice dell’evento che ha permesso di mettere, per la prima volta, il colosso petrolifero americano di fronte ad un pubblico scrutinio.

“Grazie alle testimonianze ascoltate oggi scopriamo che il gigante del petrolio sapeva, da almeno più di 40 anni, che le emissioni di combustibili fossili sono causa del cambiamento climatico. Invece di informare le autorità pubbliche e contribuire a trovare una soluzione, questa multinazionale ha finanziato la diffusione di fake news sui cambiamenti climatici e assoldato un esercito di oltre 200 lobbisti, spedendo milioni di euro per aver un accesso diretto alle istituzioni UE e prevenire l’adozione di adeguati target climatici a livello europeo”, spiega Evi. “È arrivato il momento di dire basta. Chiediamo che si applichi l’articolo 116a del regolamento interno e ai lobbisti di Exxon Mobil venga revocato l’accesso al Parlamento Europeo: un marchio d’infamia che serva da esempio per altre multinazionali che intendono imitare il colosso americano”, conclude Evi.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Birra artigianale e liquore aromatizzati ai fiori di canapa: lo studio dell’Università di Pisa

Sono il risultato di una ricerca dell’Università di Pisa realizzata con tre realtà del territorio; lo studio...

Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica

L'Oipa ha chiesto l'immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde Strage di pesci a Roma. Centinaia di...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.