Clima, M5S: “Colosso del petrolio finanziava fake news per omettere la verità”
C

I più letti

Emergenza Covid, il Mibact avvia il tavolo permanente per i professionisti della cultura

“Nasce il tavolo permanente per i lavoratori dei musei, degli archivi e delle biblioteche, un nuovo spazio istituzionale per...

Balenottera morta nel porto di Sorrento: la rimozione e poi la necroscopia mentre si cerca il piccolo

Si sono concluse nel cuore della notte le complesse operazioni di rimozione e trasporto dell’esemplare di balenottera individuato lo...

2022, è Procida la Capitale italiana della cultura: l’Isola “è luogo di conoscenza”

Procida è la Capitale italiana della cultura per l’anno 2022. Dopo le audizioni delle dieci città finaliste, la giuria...

A tutela dei propri interessi, una multinazionale del petrolio americana avrebbe diffuso per anni fake news al fine di omettere la realtà sui cambiamenti climatici. È quanto afferma l’europarlamentare del M5S Eleonora Evi dopo le testimonianze apprese oggi in un’audizione a Bruxelles.

“Oggi al Parlamento europeo si è tenuta una audizione speciale sulla negazione dei cambiamenti climatici. Siamo molto soddisfatti perché abbiamo inchiodato alle proprie responsabilità la più grande compagnia petrolifera quotata al mondo, Exxon Mobil, per aver finanziato campagne di disinformazione volte a negare l’esistenza del cambiamento climatico e screditare la ricerca scientifica sul tema”, dichiara Eleonora Evi, europarlamentare del Movimento 5 Stelle, promotrice dell’evento che ha permesso di mettere, per la prima volta, il colosso petrolifero americano di fronte ad un pubblico scrutinio.

“Grazie alle testimonianze ascoltate oggi scopriamo che il gigante del petrolio sapeva, da almeno più di 40 anni, che le emissioni di combustibili fossili sono causa del cambiamento climatico. Invece di informare le autorità pubbliche e contribuire a trovare una soluzione, questa multinazionale ha finanziato la diffusione di fake news sui cambiamenti climatici e assoldato un esercito di oltre 200 lobbisti, spedendo milioni di euro per aver un accesso diretto alle istituzioni UE e prevenire l’adozione di adeguati target climatici a livello europeo”, spiega Evi. “È arrivato il momento di dire basta. Chiediamo che si applichi l’articolo 116a del regolamento interno e ai lobbisti di Exxon Mobil venga revocato l’accesso al Parlamento Europeo: un marchio d’infamia che serva da esempio per altre multinazionali che intendono imitare il colosso americano”, conclude Evi.

Le ultime

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.