Cadmio e pesticidi nelle insalate in busta: “Rispettati solo i limiti microbiologici”
C

I più letti

Riscaldamento oceani, nuovo record nel 2020: il Mediterraneo è sempre più caldo e salato

Il contenuto termico degli oceani (l’energia termica presente nell'oceano sotto forma di calore) nel 2020 è il più elevato...

Gli Usa rientrano negli accordi di Parigi, il plauso del Ministro Costa

“Il rientro degli Usa negli accordi di Parigi, annunciato dal presidente Biden nel giorno del suo insediamento alla Casa...

Divieto di asporto dopo le 18: 7mila enoteche sopraffatte dalla grande distribuzione

“La chiusura anticipata alle 18,00 discrimina ingiustamente le oltre 7mila enoteche presenti in Italia nei confronti di negozi alimentari...

Portati in laboratorio 10 lattughini di IV gamma: buono lo stato igienico ma alcuni campioni hanno subito troppi trattamenti fitosanitari, e in diversi prodotti l’elevata presenza di cadmio ne pregiudica il giudizio finale. È quanto emerge da un’analisi condotta da “Il Salvagente”, periodico a tutela dei consumatori. La scelta è caduta su 10 prodotti, 9 convenzionali e uno biologico, che ben rappresentano l’offerta di mercato: da Bonduelle a DimmidiSì, da Coop a Esselunga, da Auchan a Carrefour, da Conad a NaturaSì e ancora Lidl ed Eurospin.

Per quanto riguarda l’aspetto microbiologico, tutti i prodotti rientrano nei limiti di legge e offrono un buon livello di sicurezza: assenti listeria, salmonella ed Escherichia coli, batteri capaci di causare infezioni anche gravi. Una buona notizia visto che parliamo di un prodotto che per legge deve essere “lavato e pronto per il consumo” ed è da consumare crudo e quindi particolarmente pericoloso per eventuali contaminazioni batteriche. Sotto questo aspetto le nuove regole introdotte nel 2015 per rendere più sicuri i prodotti di IV gamma hanno sicuramente condizionato positivamente le aziende di settore.

Nel caso di pesticidi e metalli pesanti la situazione cambia. Dall’analisi multiresiduale è emerso che solo due lattughini risultano completamente puliti, mentre la presenza di residui di trattamenti fitosanitari arriva a far contare anche quattro molecole diverse nella stessa busta. E la domanda sorge spontanea visto che in gran parte parliamo di fungicidi: su una coltura a vita breve – dalla semina al raccolto passano poche settimane – sono davvero necessari?
A preoccupare invece è la presenza ricorrente, test dopo test, di diversi residui fitosanitari. Il fatto che ogni singolo principio attivo rientri nei parametri di legge, non può a nostro giudizio tranquillizzare: il problema è nell’additività degli effetti che, se ancora non è stato quantificato, verrà presto affrontato dalla stessa Efsa. Da un rischio potenziale, passiamo a uno certo, quello del cadmio, un metallo pesante classificato dalla Iarc nel gruppo 1 tra le sostanze giudicate cancerogene certe per l’uomo: i tenori riscontrati nelle nostre 10 insalate non lasciano del tutto tranquilli. Due campioni hanno fatto registrare concentrazioni vicine al limite di legge e in altri due prodotti la quantità riscontrata è elevata. Non è un problema secondario. “In base alle nostre rilevazioni condotte in questi anni – spiega Il Salvagente – tenori di cadmio così elevati come nelle insalate non li abbiamo mai registrati né nel riso (picco massimo 0,04 mcg/kg) né nel pesce (mediamente intorno allo 0,02 milligrammi per chilo)”.

Le ultime

Era lì da 700 anni, poi è arrivata la fibra ottica: storia della distruzione di un’antica strada all’Elba

I  Rimercojo (o Rimercoi), nel Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel Comune di Marciana, oggi parte del sentiero 180,...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.