Lago di Albano: una coppia di falchi pellegrini e le difficoltà di essere genitori

I più letti

La corsa verso la Siberia del Polo nord magnetico: gli scienziati spiegano perché

In passato il fenomeno di inversione del campo magnetico terrestre si è verificato diverse volte durante la storia della...

Ecoturismo nei boschi: otto località italiane lontane dagli affollamenti

Sono boschi per i quali è stato verificato e certificata la presenza di decine di specie...

Wuhan vieta la caccia e il consumo di carne di animali selvatici per 5 anni

A Wuhan è ora vietato mangiare animali selvatici: lo ha deciso l’amministrazione locale della metropoli cinese,...

Niente lieto fine per la cova 2019 dei falchi pellegrini sui costoni del lago Albano, a Castel Gandolfo. Dopo un avvio già travagliato (i falchi tardavano a scegliere il nido a causa della presenza di altri maschi, elementi di disturbo), alla fine la coppia aveva scelto il nido e c’era stata la deposizione delle uova.

Ad una attenta osservazione si notava, tuttavia, che qualcosa non andava. La femmina, infatti, si assentava per lunghi periodi per cercare nutrimento ma alla cova non si sostituiva il maschio, come di solito avviene. I tempi di assenza dal nido facevano temere il peggio ma ci si auspicava che la situazione, col passare delle ore, si normalizzasse.

Invece, purtroppo, il nido è stato abbandonato e la cova delle uova interrotta.

La presenza in zona di un terzo individuo maschio, ancora presente ieri 26 marzo, ha condizionato fortemente il comportamento del maschio residente che, impegnato in interminabili scontri in volo con il competitore, non ha potuto con tutta evidenza occuparsi di procacciare il cibo per sé e per la compagna, come di regola avviene. La femmina, pur dimostrando un forte attaccamento alla covata, era spesso costretta ad assentarsi dal nido per periodi insolitamente lunghi, per cacciare autonomamente ed alimentarsi, e in questi frangenti non poteva contare sul cambio alla cova da parte del maschio, lasciando di fatto le uova scoperte; degno di nota il fatto che questi allontanamenti avvenissero sistematicamente tra le 11.30 e le 14, quando le uova erano esposte al sole; questa ammirevole forma di cura da parte della femmina non è stata comunque sufficiente per portare avanti la cova in modo regolare, e la situazione é culminata di fatto nella giornata del 25 marzo con l’abbandono della covata di 3 uova.

La stessa situazione si era verificata nella stagione riproduttiva 2003 quando, a seguito degli scontri con un intruso, il maschio della coppia subì una ferita ad un arto; in quell’occasione fu abbandonata una covata di 4 uova, che si trovava ad uno stadio più avanzato di quella attuale.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Parco d’Abruzzo, fotografata mamma orsa con 4 cuccioli: non si era mai avvistata prima

Non credevano ai loro occhi i due Guardaparco che hanno scattato queste foto due giorni fa, durante lo svolgimento...

Unione africana, oggi il 57esimo anniversario: “Italia in prima linea contro la desertificazione”

Roma - «Il primo incontro istituzionale che volli al Ministero, appena insediato, fu con Ibrahim Thiaw, il segretario esecutivo dell'Onu per la lotta alla...

Assistenti civici, chi sono e cosa fanno

(Adnkronos) Quello sugli assistenti civici è stato un accordo "chiuso con i sindaci che ringrazio e anche alle regioni che hanno firmato l'intesa. Gli...

Fase 2, riapertura tra regioni a rischio?

(Adnkronos) Dopo la possibilità di spostarsi liberamente entro la propria regione senza autocertificazione, gli italiani aspettano di potersi muovere anche tra una regione e...

Pregliasco: “Rischi effetto spogliatoio in palestre e piscine”

(Adnkronos) "La riapertura di palestre e piscine è uno step ulteriore" della fase 2 dell'emergenza coronavirus in Italia. "Una scelta giusta, perché l'attività fisica...

Il video del bambino e dell’orso bruno: “Ecco come comportarsi quando incontriamo la fauna selvatica”

Sporminore, ai lembi del Parco Naturale dell’Adamello Brenta, sopra i 2mila metri di quota. Loris Calliari gira il video di suo...

Fase 2, 60mila assistenti civici per vigilare

(Adnkronos) "In settimana dalla Protezione civile lanceremo il bando per il reclutamento di 60.000 ‘assistenti civici’. Il bando è rivolto a inoccupati, a chi...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.