Lago di Albano: una coppia di falchi pellegrini e le difficoltà di essere genitori
L

I più letti

Niente lieto fine per la cova 2019 dei falchi pellegrini sui costoni del lago Albano, a Castel Gandolfo. Dopo un avvio già travagliato (i falchi tardavano a scegliere il nido a causa della presenza di altri maschi, elementi di disturbo), alla fine la coppia aveva scelto il nido e c’era stata la deposizione delle uova.

Ad una attenta osservazione si notava, tuttavia, che qualcosa non andava. La femmina, infatti, si assentava per lunghi periodi per cercare nutrimento ma alla cova non si sostituiva il maschio, come di solito avviene. I tempi di assenza dal nido facevano temere il peggio ma ci si auspicava che la situazione, col passare delle ore, si normalizzasse.

Invece, purtroppo, il nido è stato abbandonato e la cova delle uova interrotta.

La presenza in zona di un terzo individuo maschio, ancora presente ieri 26 marzo, ha condizionato fortemente il comportamento del maschio residente che, impegnato in interminabili scontri in volo con il competitore, non ha potuto con tutta evidenza occuparsi di procacciare il cibo per sé e per la compagna, come di regola avviene. La femmina, pur dimostrando un forte attaccamento alla covata, era spesso costretta ad assentarsi dal nido per periodi insolitamente lunghi, per cacciare autonomamente ed alimentarsi, e in questi frangenti non poteva contare sul cambio alla cova da parte del maschio, lasciando di fatto le uova scoperte; degno di nota il fatto che questi allontanamenti avvenissero sistematicamente tra le 11.30 e le 14, quando le uova erano esposte al sole; questa ammirevole forma di cura da parte della femmina non è stata comunque sufficiente per portare avanti la cova in modo regolare, e la situazione é culminata di fatto nella giornata del 25 marzo con l’abbandono della covata di 3 uova.

La stessa situazione si era verificata nella stagione riproduttiva 2003 quando, a seguito degli scontri con un intruso, il maschio della coppia subì una ferita ad un arto; in quell’occasione fu abbandonata una covata di 4 uova, che si trovava ad uno stadio più avanzato di quella attuale.

Le ultime

Scuola, SIMA: “Il vero nodo non sono i banchi ma la qualità dell’aria in aula”

Appello di SIMA al Comitato Tecnico Scientifico per una scuola Covid-free “La discussione sui...

Attracca in Europa carico di 100mila ton di soia: un tempo erano 40mila ettari di foresta

Sbarca ad Amsterdam il più grande carico di soia mai attraccato nell'Ue: proviene da una superficie che prima di essere sottoposta ad...

Al via dal 1° agosto il primo master italiano in “Medicina Ambientale”

Grazie alla partnership tra la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) e l'Università degli Studi Niccolò Cusano partirà...

Catturato il lupo di Alimini, ora le analisi genetiche: verrà trasferito nel Centro di Monte Adone

Operazione in notturna condotta dai tecnici Parco Majella in continuo contatto con ISPRA, alta probabilità che avesse il collareCatturato il lupo che da diverse...

Nate due leoncine asiatiche in pericolo di estinzione al Bioparco di Roma

Alla presenza della Sindaca di Roma, Virginia Raggi, e del Presidente della Fondazione Bioparco di Roma, Francesco Petretti, sono stati presentati...

Orsa Gaia, Costa ricorre al TAR: “Abbattimento misura sproporzionata”

"La convivenza tra predatori e uomini è possibile", è convinto il Ministro."Abbiamo formalizzato ieri sera la richiesta all’Avvocatura Distrettuale dello Stato di proporre...

Forse ti può interessare anche