Torino, 200 nuove piante per il bosco del Gerbasso

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

I più letti

Dal 22 marzo il Gerbasso, la Città di Carmagnola, il parco e il Pianeta Terra hanno 200 erogatori di ossigeno in più. Grazie alla collaborazione tra l’Ente di gestione delle Aree protette del Po torinese, il circolo di Legambiente “Il Platano” e il Museo Civico di Storia Naturale di Carmagnola, i ragazzi della Scuola Media Manzoni e dell’Istituto Superiore Agrario hanno messo a dimora nel bosco del Gerbasso e nell’antico alveo ormai abbandonato del torrente Meletta 200 piantine di biancospino, pero, melo selvatico, carpino, corniolo e numerose altre specie originarie di questi luoghi.

Il Bosco del Gerbasso è un progetto di rinaturazione avviato dalla Città di Carmagnola nel 1987 con l’apporto scientifico degli esperti del Museo di Storia Naturale ed è un esempio dell’antica e immensa foresta planiziale che un tempo ricopriva l’intera Pianura Padana. Il Bosco del Gerbasso si trova nella Riserva Naturale della Lanca di San Michele, che si sviluppa su una superficie di 162 ettari tra Carignano e Carmagnola.

L’evento del 22 marzo si inserisce in una più ampia programmazione di iniziative in collaborazione con Legambiente per sensibilizzare la popolazione, in particolare le giovani generazioni, sulle questioni ambientali e di conoscenza del territorio. Queste attività si inseriscono perfettamente nelle azioni che il parco porta avanti insieme ai comuni della Riserva della Biosfera UNESCO CollinaPo, un programma internazionale che tra i propri obiettivi ha proprio la sensibilizzazione delle comunità nei confronti della sostenibilità delle attività umane.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Birra artigianale e liquore aromatizzati ai fiori di canapa: lo studio dell’Università di Pisa

Sono il risultato di una ricerca dell’Università di Pisa realizzata con tre realtà del territorio; lo studio...

Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica

L'Oipa ha chiesto l'immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde Strage di pesci a Roma. Centinaia di...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.