Torna dalla migrazione e non trova più lui, impallinato dai bracconieri: nidificavano lì da 10 anni

I più letti

L’inqualificabile atto di bracconaggio che circa due mesi fa ha portato all’uccisione sul nido di un raro esemplare di cicogna bianca in Calabria nella Valle del Crati, lasciò sgomenta l’opinione pubblica.

La denuncia – riportata dalla sezione Lipu di Rende – fu confermata dalle analisi eseguite sul corpo dell’animale morto, che evidenziarono cinque pallini da caccia. Più tardi si scoprì anche che si trattava di un maschio adulto la cui coppia, sin dal 2009, aveva scelto di nidificare su una piattaforma nido nella zona valliva del comune di Lattarico, a ridosso del fiume Crati: un sito storico, il primo ad essere occupato dalla nidificazione su piattaforma nido. Nelle settimane scorse dunque, dopo un lunghissimo viaggio migratorio, al suo arrivo dal continente africano, la femmina non ha trovato il compagno ad aspettarla come puntualmente accadeva da 10 anni.

Ma la natura, come fortunatamente a volte accade, ha riparato alla stoltezza umana e la cicogna rimasta da sola è riuscita a trovare un nuovo compagno, probabilmente un individuo in migrazione. Dopo i classici rituali di corteggiamento e consolidamento del nido, la coppia è ora in cova. “Se non ci saranno imprevisti, tra circa un mese nasceranno i piccoli cicognini”, fanno sapere i volontari Lipu che, in collaborazione con i ragazzi del progetto Life Choose Nature, monitorano costantemente questo ed altri siti. “La vita dunque continua, la presenza della specie in questo angolo di Calabria è nuovamente assicurata, un tassello della biodiversità è salvo. La natura ha vinto sulla stupidità dell’uomo”.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Birra artigianale e liquore aromatizzati ai fiori di canapa: lo studio dell’Università di Pisa

Sono il risultato di una ricerca dell’Università di Pisa realizzata con tre realtà del territorio; lo studio...

Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica

L'Oipa ha chiesto l'immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde Strage di pesci a Roma. Centinaia di...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.