Parco d’Abruzzo, è online il portale cartografico accessibile a tutti
P

La striscia disallineata

Pubble, al via la nuova video-rubrica: “Il volto del mondo è il risultato dei complotti della storia”

Pubble l'imbannabile, seguitissima vignettista di satira che si occupa di politica e società utilizzando i social network per comunicare...

Benessere degli animali. Questa “certificazione volontaria”inganna il consumatore e danneggia l’allevatore onesto

Due Ministri, Speranza e Patuanelli: una promessa tradita. Il Coordinamento unitario delle Associazioni animaliste, compresa Legambiente, Confconsumatori e Ciwf...

Da alcuni giorni è operativo il portale cartografico del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, raggiungibile dal sito istituzionale del parco attraverso apposito link (https://sit.parcoabruzzo.it/portal/home/).

Il portale cartografico, realizzato da una società specializzata, è uno strumento in continuo aggiornamento che permette all’Ente Parco di fare un grande passo in avanti sul fronte della gestione dei dati territoriali e cartografici, che sempre più sono alla base di tantissime attività, non solo tecniche ma anche legate alla fruizione del territorio da parte di residenti, progettisti e turisti. Sul fronte interno il portale, nella sua parte riservata, permetterà alle guardie del Parco ed ai tecnici dei vari servizi di inserire direttamente negli archivi digitali dell’Ente tutti i dati che quotidianamente raccolgono sul territorio; durante i servizi in montagna o presso le aziende agricole dei 24 comuni del Parco si potranno inserire con un semplice tablet tutti i dati, debitamente georeferenziati, relativi ad osservazioni naturalistiche e censimenti, ai verbali di accertamento dei danni provocati dalla fauna, alla manutenzione dei sentieri ed a molti altri settori di intervento. In tempo reale, tutti questi dati confluiranno nei data base dell’Ente, anche in formato cartografico. Niente più schede cartacee, dunque, con un  consistente risparmio di tempo e la possibilità di rendere più efficiente il lavoro di conservazione e controllo del territorio.

La novità riguarda anche i residenti ed i fruitori del Parco: il portale, infatti, nella sua parte accessibile a tutti, mette a disposizione del pubblico tutta la cartografia disponibile ad oggi, compresa quella del Piano del Parco in via di approvazione; si tratta di un’operazione di grande trasparenza e di assistenza ai tecnici, sia privati che degli altri enti, che potranno utilizzare i dati per le loro attività professionali. Residenti e privati potranno però utilizzare il portale anche per contribuire alla raccolta di dati utili alla gestione: vi sono infatti schede per segnalare l’avvistamento di animali rari, così come della flora dell’Area Protetta e, soprattutto, per lo stato manutentivo della rete sentieristica. Tali segnalazioni saranno valutate dagli esperti e, se validate, saranno inserite nel database del Parco ed utilizzate per migliorare e velocizzare la gestione. Per i turisti infine, il portale sarà di aiuto nella valutazione dei percorsi da scegliere, che sono presenti anche in versione tridimensionale, utile a comprendere dislivelli e difficoltà di ciascuno dei circa 150 sentieri ufficiali. “Uno strumento indispensabile, un sistema informativo territoriale che potrà crescere progressivamente e  che consente  al Parco  di essere al passo con i tempi  sul fronte della gestione dei dati cartografici”, afferma il Presidente del Parco Antonio Carrara, che ha fortemente voluto questo strumento per contribuire a fare del PNALM un Ente moderno e vicino al cittadino.

FLASH

Le ultime

La conservazione della natura è donna: eletta la nuova presidentessa IUCN

I  componenti dell'Assemblea dell'Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN),  hanno eletto Razan Khalifa Al Mubarak nuova presidentessa...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.