Monti Simbruini, ripreso per la prima volta l’orso marsicano
M

I più letti

Divieto di asporto dopo le 18: 7mila enoteche sopraffatte dalla grande distribuzione

“La chiusura anticipata alle 18,00 discrimina ingiustamente le oltre 7mila enoteche presenti in Italia nei confronti di negozi alimentari...

Cinghiali, ora possiamo sapere quanti sono grazie ai visori termici: lo studio dell Cnr

I ricercatori dell’Istituto dei sistemi complessi del Cnr e dell’Istituto per la ricerca e la protezione ambientale hanno rivisto...

Scoperte grandi orme fossili sulle Alpi Occidentali: “Lasciate in un tempo geologico che si credeva inospitale”

Uno studio appena pubblicato a firma di geologi e paleontologi delle Università di Torino, Roma Sapienza, Genova, Zurigo e...

Alcuni fotogrammi realizzati grazie a una videotrappola ritraggono un orso bruno marsicano che si aggira di notte nelle foreste del Parco Regionale dei Monti Simbruini, nell’Appennino laziale dove, con un’intensa attività di monitoraggio, il personale del Parco è riuscito a documentare la storica presenza di un individuo della popolazione di orso più rara del pianeta. Una presenza eccezionale, considerato che la popolazione residua di orso marsicano conta ormai poco più di 50 esemplari, la maggior parte dei quali distribuiti nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e zone limitrofe. Ma una presenza purtroppo sempre più rara sui versanti appenninici laziali, che invece sarebbero in grado di ospitare una popolazione vitale di orso.

Foto d’archivio, credits Fabio Cianchi

Infatti il complesso montuoso dei Simbruini-Ernici risulta – secondo recenti studi di idoneità ecologica svolti dai ricercatori dell’Università La Sapienza di Roma (Ciucci e Gervasi 2016) – una delle aree maggiormente idonee per la presenza del plantigrado. I ricercatori stimano che quest’area montuosa potrebbe ospitare fino a 14 femmine riproduttive, rappresentando potenzialmente una delle aree di espansione più importanti in futuro, in grado di contribuire alla sopravvivenza di una specie oggi purtroppo a serio rischio di estinzione.

Ma sono ancora troppi gli ostacoli e le minacce che non permettono all’orso marsicano di espandersi stabilmente in nuove aree, a partire da una mortalità ancora troppo elevata (sono 6 gli orsi rinvenuti morti nel  2018, un dato che non si registrava dal 1984), fino all’assenza di corridoi ecologici che ne permettano gli spostamenti tra le aree appenniniche idonee, dal disturbo procurato da alcune attività umane, che dovrebbero essere meglio regolamentate nelle aree di presenza e di possibile nuova espansione, fino all’incuria umana che permette la presenza di strutture che continuano a uccidere orsi (come dimostrato dalla drammatica morte di un’orsa con due cuccioli lo scorso novembre, annegati in una vasca per l’acqua piovana non a norma, dove già nel 2010 erano morti altri due orsi). Nonostante questo, notizie come quella che arriva dal Parco dei Monti Simbruini ci dicono che salvare l’orso è ancora possibile.

Per questo il WWF, dopo il recente convegno di aprile “Insieme per il futuro dell’Orso bruno marsicano in Appennino”, si sta impegnando per rilanciare e rinvigorire lo sforzo comune contro l’estinzione del plantigrado più raro del mondo, mettendo al centro del progetto SOS Natura d’Italia proprio l’orso marsicano, e prevedendo azioni concrete di conservazione che possano dare un fondamentale contributo nella sfida di salvare il nostro orso. Una sfida che sarà possibile vincere solo con la partecipazione di tutti, cittadini e istituzioni.

Le ultime

Slow Food lancia “On My Plate”: la prima challenge internazionale sul cibo buono, pulito e giusto

È appena stata lanciata On My Plate, la campagna con cui Slow Food si pone alla guida di oltre tremila...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.