Tra i 10 e i 13 anni la prima sigaretta: al via “Non mandiamo il Pianeta in fumo”

I più letti

Spaghetti italiani? “Il lockdown importa 2 mln di quintali di grano duro estero”

In tempo di Coronavirus non c’è pace fra i molini e neppure per lo spaghetto quotidiano…con farina...

Speranza: “A settembre tutte le scuole riapriranno in massima sicurezza”

"A settembre senz'altro le scuole riapriranno. Anche io sono padre di due bimbi che vogliono abbracciare i loro compagni...

Nidi trafugati in Puglia: il ricco traffico di parrocchetti in mano alla criminalità

Alcuni giorni fa, a Molfetta, in provincia di Bari, due persone, già note alle Forze di polizia, sono state...

Deleterio per la salute, il fumo è anche un danno per l’ambiente: la LILT, con il MIUR e l’ANCI, promuove una “call to action” rivolta agli studenti italiani per una straordinaria raccolta di mozziconi in vista del “No Tobacco Day”. Nella fascia 13-15 1 ragazzo su 5 fuma e l’ambiente scolastico non è smoke free: ancora troppo facile l’accesso all’acquisto per i minori.

Roma – Come ormai tristemente noto, il fumo è tra le principali cause del cancro, in particolare, del polmone, della cavità orale, della faringe, dell’esofago e della vescica; nuoce alla pelle, ai denti, alle ossa e alla fertilità; danneggia il cuore; contribuisce a causare infarti e ictus. Eppure, rispetto ai giovanissimi, continua a scendere l’età della prima sigaretta, tra i 10 e i 13 anni, e nella fascia 13-15, 1 ragazzo su 5 fuma.
È proprio ai giovani e ai ragazzi che la LILT, con il MIUR e l’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani, si rivolgeranno il prossimo 31 maggio, in occasione della 32° Giornata Mondiale Senza Tabacco: agire subito per un mondo senza tabacco, invitando a riflettere su quanto il fumo possa essere nocivo tanto per la salute della persona, quanto per l’ambiente.
E se il fumo miete le proprie vittime, lo stesso vale per la sigaretta elettronica, usata abitualmente più dai ragazzi che dalle ragazze (22% vs 13%): i dati ci dicono che non abbia arginato il fenomeno ma che al contrario, la sua diffusione è ormai paragonabile a quella della sigaretta tradizionale. Inoltre, nonostante la stretta sulle normative, il 76% dei giovanissimi dichiara di non aver ricevuto il rifiuto di vendita per minore, segno che l’accesso all’acquisto è ancora troppo facile, e all’interno delle scuole, per quanto tra il 2010 e il 2018 siano diminuiti i fumatori nell’ambito degli istituti, (dal 44% al 14% gli insegnanti, dal 56% al 29% gli studenti), la strada è ancora lunga per arrivare ad una scuola veramente “smoke free”.
Non solo: la produzione di tabacco è tra le cause della deforestazione, e i rifiuti tossici della filiera, senza dimenticare i mozziconi gettati nell’ambiente, contribuiscono all’inquinamento del suolo, dell’aria e delle acque.
Questa la riflessione che la LILT invita a percepire con il MIUR, chiamando i ragazzi nelle scuole a una grande “call to action” che li vedrà posizionare alle porte degli istituti drappi bianchi con la scritta “Non mandiamo in fumo il pianeta” e impegnarsi in una raccolta collettiva dei mozziconi che infestano parchi e strade sul territorio, per darne testimonianza il 31 maggio, nel corso di un incontro tra cittadinanza, rappresentanti delle sezioni provinciali LILT e istituzioni.
“Lo stile di vita sano, da solo, non basta: anche le condizioni ambientali, il contesto in cui si vive, hanno un peso per il nostro benessere” ha detto il Presidente della LILT Nazionale Francesco Schittulli “Ricordiamoci che l’insorgenza del cancro dipende anche dal tipo di aria che respiriamo, così come dalla qualità del suolo dove, ad esempio, si coltiva il cibo che mangiamo. Eppure i dati parlano chiaro: i fumatori sono in aumento e ciò che preoccupa di più è che si tratta di giovani, in particolare ragazze. Da sempre la LILT sottolinea e sostiene il significativo ruolo della scuola per trasmettere il valore dello stile di vita sano ai ragazzi e, con l’ausilio del MIUR, è con loro che vogliamo dialogare prima di tutto, anche con il supporto delle amministrazioni comunali, attraverso l’ANCI, perché acquisiscano concretamente tutte le dannose implicazioni provocate dalla semplice accensione di una sigaretta”.


Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Le ultime

Birra artigianale e liquore aromatizzati ai fiori di canapa: lo studio dell’Università di Pisa

Sono il risultato di una ricerca dell’Università di Pisa realizzata con tre realtà del territorio; lo studio...

Morìa di pesci nel Tevere tra Castel Sant’Angelo e Ponte Milvio, chiesto l’intervento per salute pubblica

L'Oipa ha chiesto l'immediato intervento dela istituzioni per accertare le cause e mettere in sicurezza acque e sponde Strage di pesci a Roma. Centinaia di...

Acque in calo per il Lago di Pilato, a rischio il suo piccolo crostaceo endemico: “Non avvicinatevi alle sponde”

Un’analisi dell’ISPRA mette in evidenza gli effetti negativi del sisma sulla permeabilità dello specchio d’acqua simbolo dei Sibillini. Il Parco: attenzione alle uova del...

Riapre il Museo delle Scienze di Trento e punta su giardino, orti e terrazzi outdoor

Il Museo delle Scienze progettato da Renzo Piano e le sue sedi territoriali sono pronte ad accogliere nuovamente i visitatori in occasione...

Specie aliene, sta sparendo la biodiversità delle acque interne: al via il progetto per salvare la trota mediterranea

Pesca illegale, inquinamento, cambiamenti climatici, alterazioni dell’habitat, introduzione di specie aliene, è la dura vita dei pesci delle acque interne italiane. Arriva...

Strategia Nazionale Forestale, arrivate al Mipaaf 286 proposte di emendamenti

E’ terminata ieri la consultazione pubblica indetta dal Mipaaf per raccogliere proposte di miglioramento della bozza di Strategia nazionale forestale, documento...

Forse ti può interessare anche

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24. A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario.

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.