Gas serra, Ispra: “Previsto decremento dello 0,4% nel primo trimestre 2019”
G

I più letti

Molfetta, recuperate e poi rilasciate mille tartarughe in due anni

Negli ultimi 26 mesi il Centro Recupero Tartarughe Marine WWF di Molfetta ha raggiunto un importante obiettivo: sono state...

Balenottera morta nel porto di Sorrento: la rimozione e poi la necroscopia mentre si cerca il piccolo

Si sono concluse nel cuore della notte le complesse operazioni di rimozione e trasporto dell’esemplare di balenottera individuato lo...

Riscaldamento oceani, nuovo record nel 2020: il Mediterraneo è sempre più caldo e salato

Il contenuto termico degli oceani (l’energia termica presente nell'oceano sotto forma di calore) nel 2020 è il più elevato...

Nel primo trimestre del 2019 la stima tendenziale delle emissioni dei gas serra prevede un decremento rispetto all’anno precedente, pari allo -0,4% a fronte di una crescita del PIL pari a 0,1%. Lo conferma l’Ispra, registrando che “in generale il disaccoppiamento tra l’andamento delle emissioni e la tendenza dell’indice economico e ad un incremento del PIL è associato una riduzione delle emissioni di gas serra”

La riduzione segnalata è principalmente dovuta al decremento dei consumi di gas registrato nel settore domestico (-3.0%) e nel settore trasporti (-0.6%) mentre risulta in crescita il consumo di gas naturale nel settore termoelettrico (2.7%). Maggiori dettagli sulla metodologia e i dati di emissione sono disponibili sul sito dell’ISPRA al seguente indirizzo web: http://www.sinanet.isprambiente.it/it/sia-ispra/serie-storiche-emissioni/stima-trimestrale-delle-emissioni-in-atmosfera-di-gas-serra/view

Le ultime

Si sta come d’inverno sugli alberi in città i parrocchetti alieni

Spesso ho parlato delle specie non indigene, note anche come aliene, cioè quei taxa animali o vegetali che si...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.