Uranio impoverito, Grillo: “Entro l’estate legge a difesa delle vittime”
U

I più letti

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo...

Protezione civile, al via la terza fase di recupero delle ecoballe nel Golfo di Follonica

Marina Militare al lavoro con due navi e il personale specializzato Sono riprese...

“Disastroso accordo sulla Pac, resa incondizionata alle lobby dell’agricoltura industriale”

Secondo Slow Food sarebbe “disastroso l’ accordo tra le maggiori forze politiche del Parlamento Ue sulla riforma della Pac...

“Nelle scorse settimane è stata trasmessa dai dicasteri di Difesa e Salute una relazione tecnica al Parlamento, che costituisce una rendicontazione di studi già finanziati riguardanti lo stato di salute del personale militare e civile impiegato nei territori dell’ex Jugoslavia nel periodo che va dal settembre 2007 al 2017. Studi che, come si evince chiaramente dalla relazione nelle pagine 7 e 8, non hanno una guida scientifica dal 2007 e che, dal 2011, sono senza fondi. Abbiamo così ottemperato a un obbligo di legge che era stato lungamente disatteso: la relazione era attesa al Parlamento da ben 7 anni e inquadra la situazione al 2017. E questo è opportuno precisarlo in virtù delle continue fake news e strumentalizzazioni diffuse in questi giorni da persone poco informate”.
Così, in una nota congiunta, i ministri della Salute e della Difesa, Giulia Grillo e Elisabetta Trenta.
“Da questo rapporto partiamo per andare avanti con analisi più aggiornate e – spiega il ministro Grillo – rilanciare questa battaglia che è una bandiera del Movimento e su cui assicuro il mio impegno da ministro oggi, ma che, già nella passata legislatura, mi ha vista in prima linea come membro della Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito”.
A tal proposito, aggiunge il ministro Trenta, “Come già ho annunciato è stato avviato un tavolo tecnico all’interno del ministero della Difesa volto allo studio dei nuovi dati rielaborati dagli esperti e all’individuazione di un percorso per depositare entro la fine dell’estate la prima legge dello Stato a difesa delle vittime colpite da uranio impoverito, una legge che – prosegue la titolare della Difesa – punta a invertire l’onere con la prova e salvaguardare le vittime da ogni possibile ostruzionismo dell’amministrazione”.
Allo stesso tempo, nel febbraio 2020 si concluderà uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità finanziato dal ministero della Salute, finalizzato alla Sorveglianza Epidemiologica della coorte Balcani (SEBAL-2), che prevede l’aggiornamento dello studio di mortalità e uno studio sulle ospedalizzazioni per tumore. I risultati potranno contribuire alla valutazione del profilo di salute della coorte di veterani dei Balcani, grazie allo studio osservazionale di mortalità e ospedalizzazione per tumore.

Le ultime

Parlamento Europeo, c’è l’accordo per la nuova PAC ma alcuni parlano di condanna a morte per le piccole aziende

Ieri sera i ministri dell'agricoltura, riuniti in Lussemburgo per decidere sulla riforma della Politica Agricola Comune, hanno...

Digitalizzazione e sostenibilità: quali vantaggi per l’ambiente dalle nuove tecnologie

La tecnologia si rivela sempre di più un'alleata importante per semplificare e rendere più efficienti le attività umane, anche e soprattutto...

Al via il diciottesimo Festival della Scienza di Genova nel segno delle “onde”

Compie diciott’anni una delle principali manifestazioni di divulgazione scientifica a livello internazionale, inaugurando un format innovativo per garantire in tempi di...

Al via il primo monitoraggio nazionale del lupo: “Non sarà più il Colle di Cadibona a delimitare gli alpini dagli appenninici”

In questi giorni parte la prima raccolta dati contemporanea mai attivata per stimare la distribuzione e la consistenza del...

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le rompi a me", ma su...

Quell’Italia leader del biologico ancora senza legge: “Drammaticamente bloccata al Senato”

I numeri parlano chiaro: in Italia, superfici, operatori e consumi bio crescono in maniera sempre più evidente, incoronando la nostra Penisola...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.