Avrì, secondo gipeto a spiccare il primo volo nel Gran Paradiso
A

I più letti

L’incurabile pandemia del complottismo

Tendenzialmente sono un tipo tollerante, preferisco il "non rompo le scatole a te, tu non le...

“C’è un mostro nella mia cucina”: l’incontro tra un bimbo e un giaguaro con la voce di Giobbe Covatta

“C’è un mostro nella mia cucina”: si chiama così il corto d’animazione diffuso oggi da Greenpeace...

Arriva “asdeco”, il nuovo Covid-test di Enea: risultato entro quindici minuti

L’Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l’Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile sta sviluppando un innovativo...

Il 22 luglio alle 9.21 Avrì, il piccolo di gipeto del nido in Valsavarenche, nel Parco Nazionale Gran Paradiso, ha spiegato le ali e preso il volo per la prima volta.
Il nido è monitorato tramite una webcam, installata dai guardaparco nell’ambito di un progetto in collaborazione con Federparchi. L’installazione della webcam ha consentito di seguire l’intero processo di riproduzione, dalla costruzione del nido, alla deposizione dell’uovo, alla schiusa e alla crescita del piccolo gipeto, sino al suo involo.
L’involo del piccolo di gipeto è un risultato di elevato interesse conservazionistico per il Parco, frutto di un progetto internazionale di reintroduzione intrapreso negli anni ’80 del secolo scorso, dopo l’estinzione della specie sulle Alpi verificatasi agli inizi del ‘900, e che ha portato, dal 2011 (anno della prima nidificazione nel Parco) ad oggi all’involo di 16 giovani gipeti. Avrì rimarrà per alcuni mesi nel territorio dei genitori, sino al suo completo svezzamento, e continuerà ad essere costantemente osservato dal Corpo di Sorveglianza dell’Ente Parco.
Oltre ad Avrì, uno degli altri due gipeti ha già effettuato l’involo alla metà di giugno mentre è atteso quello del nido in Valle di Rhêmes, poco fuori dai confini del Parco. Il monitoraggio dei gipeti viene effettuato dai guardaparco in stretta collaborazione e in coordinamento con il Corpo Forestale Valdostano, per quanto riguarda il controllo dei nidi nel territorio di competenza ed il conferimento dei dati al coordinamento europeo (IBM).
L’Ente Parco ha predisposto un’apposita sezione sul proprio sito internet, denominata GipetOnAir disponibile al link www.pngp.it/gipetonair, in cui è possibile assistere, in nove episodi, alla nascita e allo sviluppo del gipeto, oltre a momenti di particolare interesse biologico, come l’alimentazione e le strategie di difesa del nido (in particolare l’episodio in cui è stato riportato l’attacco da parte di un’aquila ha ricevuto migliaia di visualizzazioni anche sui social).

Le ultime

Dopo le orche e la foca monaca, avvistate due balenottere dalla darsena di Portoferraio

Isola d'Elba, pomeriggio del 23 ottobre: due balenottere “danzano” lungo la Darsena Medicea di Portoferraio, dando...

Biodiversità d’Italia, il 52% della fauna in cattivo stato di conservazione

Il nostro territorio naturale è frammentato con popolazioni animali isolate, più simile a un puzzle smontato dove l’immagine nel suo insieme...

Nuovo Dpcm: filiera alimentare attiva con 3 mln di lavoratori ma “comprate italiano”

Sono oltre tre milioni gli italiani che continuano a lavorare nella filiera alimentare, dalle campagne alle industrie fino ai trasporti, ai...

Nuova Pac, il Parlamento Europeo approva ma “questo non è Green Deal”

Nel pomeriggio di ieri il Parlamento europeo ha approvato la proposta legislativa per la Politica agricola comune dell'Ue (PAC), in continuità...

Vaia due anni dopo: la Magnifica Comunità di Fiemme riparte dalla verifica della gestione forestale

Era il 29 ottobre 2018 quando la tempesta distrusse in Italia oltre 42 mila ettari di boschi, di questi quasi 20...

Buco dell’ozono: a ogni anno il proprio record

Come tutti gli anni, finito l’inverno australe il sole torna a splendere anche sui ghiacci antartici, e l’aria ghiacciata viene bombardata...

Forse ti può interessare anche

Ricevi il notiziario ogni mattina nella tua casella di posta. La tua biodiversità quotidiana!

Italiaambiente24: un luogo, la sintesi. Dal lunedì al venerdì.

Grazie per esserti iscritto a Italiaambiente24!

A partire dalla prima edizione utile, riceverai il notiziario nella casella di posta che hai indicato.